dalla Home

Novità

pubblicato il 31 agosto 2012

Citroen DS3 Cabrio

Si svela a Parigi la versione scoperta della compatta premium DS3

Citroen DS3 Cabrio
Galleria fotografica - Citroen DS3 CabrioGalleria fotografica - Citroen DS3 Cabrio
  • Citroen DS3 Cabrio - anteprima 1
  • Citroen DS3 Cabrio - anteprima 2
  • Citroen DS3 Cabrio - anteprima 3
  • Citroen DS3 Cabrio - anteprima 4
  • Citroen DS3 Cabrio - anteprima 5
  • Citroen DS3 Cabrio - anteprima 6

Nell'ultima generazione dalla famiglia delle Citroen C3 e DS3 mancava un'erede della C3 Pluriel, ovvero una versione cabriolet. Se quest'ultima proponeva una carrozzeria autonoma e originale, per mettere in risalto il suo carattere di vettura "divertente" e un po' anticonformista, il nuovo modello è una variante della linea DS, DS3, già connotata come divisione premium del marchio, ed è caratterizzato da un tetto in tela, apribile elettricamente anche in movimento fino a 120 km/h, mantenendo i montanti. Nasce, dunque, la DS3 Cabrio, che intende accrescere la popolarità del modello, già venduto in circa 180.000 esemplari.

LA CARROZZERIA CAMBIA POCO
La DS3 Cabrio mantiene carrozzeria e ingombri della berlina, con 3,95 m di lunghezza, 1,71 m di larghezza e 1,46 m di altezza, e nella vista anteriore e laterale conserva integralmente le caratteristiche della versione tre porte chiusa, compresa la "pinna" laterale che sembra annegata tra i vetri e la finestratura senza apparente soluzione di continuità, con l'effetto di tetto "flottante". La novità è nella zona interna tra i montanti, sostituita da un tetto in tela elettrico personalizzabile nei colori Nero, Blu Infini e Grigio Moondust con Monogramma DS, mentre la parte laterale del tetto richiama il colore della tela, come pure sulla modanatura anteriore e sullo spoiler posteriore. Da sottolineare l'effetto particolare della tela Blu Infini, ottenuto con 3 fili di colore diverso, uno dei quali lucido, così come il contrasto dato dal monogramma DS, trattato con lavorazione jacquard di due tonalità di grigio, abbinate al Grigio Moondust. Del tutto inediti sono anche il profilo posteriore cromato sotto il lunotto e i fari posteriori 3D a LED.

LUCI POSTERIORI A LED IN 3D
Proprio quest'ultimo elemento, che a prima vista potrebbe essere scambiato per un gruppo ottico tradizionale, è derivato dalle moderne concept Revolte e Survolt, e impiega la tecnologia a LED in modo originale: la parte centrale del faro è costituita da 31 LED e da alcuni specchietti e vetri semiriflettenti, che ne riproducono all’infinito la luce; il modulo 3D si illumina con i fari accesi, ma anche di giorno quando si frena, ed è sottolineato superiormente da una lama di 15 LED, con funzioni di luce di posizione, stop e illuminazione laterale. Il logo DS, infine, è cromato e incastonato in materiale goffrato nero, anch'esso con motivo DS.

INTERNI CON NUOVI COLORI E ILLUMINAZIONE BIANCA
Gli interni prevedono colori che si abbinano a quelli della carrozzeria e del tetto in tela, nella plancia, nei profili degli aeratori e nel pomello della leva del cambio, con i colori Grigio, Nero, Bianco, Carbotech, Blu Infini e Grigio Moondust. La console sulla plafoniera ospita il comando d’apertura del tetto e l’illuminazione interna bianca a LED; bianchi sono anche il display del quadro strumenti e della climatizzazione automatica, mentre la tela è trattata nel rivestimento interno per ridurre il rumore. I sedili, infine, hanno accostamenti inediti, con pelle Blu Granit o tessuto Akinen nelle tinte Mistral-Marrone e Mistral-Blu Infini.

E PIU' LEGGERA
Nessuna particolare novità dal punto di vista meccanico, se non che la particolare architettura e l'impiego del tetto in tela nella Citroen DS3 Cabrio permettono di avere un aggravio di peso ridotto a 25 kg rispetto alla berlina, e una rigidità praticamente identica, grazie al rinforzo strutturale intorno alla zona del bagagliaio. Le motorizzazioni si preannunciano analoghe a quelle della berlina, come pure le prestazioni, improntate ad una certa sportività. DS3 Cabrio verrà prodotta nel sito di Poissy in Francia, e sarà commercializzata all'inizio del 2013, proponendo fin dal lancio una versione con emissioni di Co2 pari a 99 g/km.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Novità , Citroen , auto europee , parigi


Top