dalla Home

Test

pubblicato il 30 agosto 2012

Dossier Ford EcoBoost

Ford B-Max 1.0 Ecoboost, le nostre impressioni

La nuova baby mutispazio stupisce su strada per guidabilità ed efficienza. Ma il bagagliaio è piccolo

Ford B-Max 1.0 Ecoboost, le nostre impressioni
Galleria fotografica - Ford B-MaxGalleria fotografica - Ford B-Max
  • Ford B-Max - anteprima 1
  • Ford B-Max - anteprima 2
  • Ford B-Max - anteprima 3
  • Ford B-Max - anteprima 4
  • Ford B-Max - anteprima 5
  • Ford B-Max - anteprima 6

Una multispazio così piccola in Casa Ford non l’avevano mai fatta. Ora però la B-Max c’è e il suo nome esprime bene la prerogativa del modello: offrire spazio e praticità in un’auto di segmento B. Le concorrenti però sono molte e godono di una notorietà commerciale pluriennale, come l’Opel Meriva e la Lancia Musa. Ecco perché in Ford hanno voluto e dovuto pensare ad una serie di caratteristiche innovative o comunque distintive. Quelle più interessanti sono tre: le porte posteriori scorrevoli (con montante integrato) in grado di offrire livello di accessibilità da primato, motori efficienti (1.0 Ecoboost e 1.6 diesel) e il SYNC, un sistema di comandi vocali particolarmente evoluto che debutta per la prima volta sulla B-Max. E poi ci sono tutte le qualità che bisogna riconoscere alle Ford degli ultimi anni, dal design curato al buon rapporto qualità/prezzo che nel caso della B-Max parte da 16.250 euro.

SEMBRA PIU’ PICCOLA
La B-Max secondo noi è carina e piacerà soprattutto al pubblico femminile. Davanti è caratterizzata da una nuova calandra di forma trapezoidale che vedremo in futuro sulla Fiesta. Mentre l’impostazione delle altre parti della carrozzeria richiamano le due sorelle della famiglia “Max”, la C-Max e la S-Max. Ovvio che le dimensioni in gioco sono ben diverse: la B-Maxè lunga appena 4,08 metri, 13 centimetri più della Fiesta. Questo formato “tascabile” si nota anche visivamente, tanto da far sembrare la B-Max più piccola di quello che è. Metro alla mano è più lunga della Lancia Musa (4,04 metri) e Renault Modus (3,87 metri), ma molto più corta dell’Opel Meriva (4,29 metri). L’altra francese, la Citroen C3 Picasso, ha invece la stessa misura.

QUESTIONE DI MONTANTE
Da fuori è difficile notare la peculiarità progettuale della B-Max, ovvero l’assenza del montante centrale – il cosiddetto B-pillar – che è integrato nelle porte scorrevoli. Bisogna aprire una di queste ultime per apprezzare la facilità di accesso alla zona posteriore nella quale si può quasi “salire”, grazie all’altezza dell’abitacolo, per accomodarsi sul divanetto che però è comodo solo per due persone. Il meccanismo di apertura delle porte, infatti, ruba qualche centimetro alla larghezza dell’abitacolo. Ma non è solo questo lo scotto da pagare per godere di un’aria di 1,5 metri di larghezza di accesso: per uscire non ci sono appigli e bisogna sporgersi in avanti con il corpo, un movimento poco naturale a cui bisogna fare l’abitudine. Dell'abitacolo si apprezza però la modulabilità: il sedile anteriore del passeggero si può ripiegare a mo' di tavolino; lo stesso sedile posteriore è sdoppiato e si può abbattere formando un piano di carico perfettamente piatto, ma non si può far scorrere in avanti o indietro per migliorare il volume del bagagliaio. E i 314 litri dichiarati sono pochini per la categoria: Meriva e C3 Picasso ne offrono rispettivamente 400 e 500. Il vano è in compenso regolare e presenta un doppiofondo da 14 litri.

COCKPIT “VOCALE” CON IL SYNC
La posizione di guida della B-Max leggermente rialzata favorisce la visibilità in manovra. Ma prima di metterci in movimento abbiamo apprezzato l’impostazione moderna della plancia la cui strumentazione è stata ripresa in parte dalla Focus e dalla C-Max. Con tutti i pregi e alcuni difetti. Ci piacciono le plastiche soffici al tatto e di buona qualità e lo stile hi-tech di alcuni comandi impreziositi da finiture nero lucido. Ma il design talvolta non sposa l’ergonomia: i tasti sono piccoli e per “imparare” a controllare radio e le varie funzionalità del computer di bordo ci vuole un po’ di pratica. Il manopolone centrale consente di governare la funzioni della radio, del computer di bordo ed eventualmente del SYNC il nuovo sistema di controllo vocale sviluppato da Ford in collaborazione con Microsoft. Costa da 250 a 500 euro a seconda dell’allestimento, include uno schermo TFT da 4,2 pollici e la connettività Bluetooth e consente al guidatore di gestire a voce alcune funzioni dello stereo come la riproduzione di una determinata canzone presente nel CD, nella chiavetta USB o nel proprio smartphone (“riproduci USB canzone xyz”); il SYNC consente di comandare anche il telefono connesso via Bluetooth richiedendo di chiamare direttamente un contatto presente in rubrica; ma la chicca è data dalla lettura con voce elettronica degli SMS che si ricevono mentre si è in viaggio e che consente di inviare risposte “tipo”.

SORPRESA ECOBOOST
La B-Max ci è piaciuta molto per la facilità con la quale la si guida. Innanzitutto perché si accusa davvero poco la maggiore altezza da terra e quindi del baricentro che comporta la carrozzeria di una multispazio. Lo sterzo, diretto e consistente, infonde una buona sensazione di controllo ed è assecondato da un assetto confortevole, ma mai troppo morbido. La B-Max invoglia così a guidare in souplesse ed assicura una buona precisione di guida quando si richiede un po’ di brio. A proposito di brio, a sorprenderci è stato il motore: noi abbiamo guidato la B-Max in allestimento Titanium equipaggiata con il nuovo 1.0 Ecoboost da 120 CV. Questo moderno tre cilindri lo abbiamo già apprezzato sulla Focus per la progressività che lo caratterizza e sulla B-Max che pesa 150 chili in meno, è in grado di regalare una guidabilità esemplare. Sembra un diesel per come spinge fin dai bassi regimi, ma ha l’allungo di un benzina: per intenderci in seconda marcia si raggiungono i 95 km/h e in terza i 140! Purtroppo il cambio, morbido negli innesti, ha solo cinque rapporti e in autostrada si sente la mancanza di una sesta “da viaggio” che peraltro favorirebbe il comfort acustico (in città in sound del motore è invece piacevole). Questo non pregiudica i consumi che sulla carta sono da “best in class”: 4,9 litri/100 km. Noi percorrendo una novantina di km nei dintorni di Monaco (parliamo di un misto veloce di strade collinari) abbiamo fatto segnare al computer di bordo una media di 5,7 litri ogni 100 km.

QUANTO COSTA
La B-Max 1.0 Ecoboost Titanium costa di listino 18.500 euro (la versione base costa 1.500 euro in meno), un prezzo che ha parità di equipaggiamento è leggermente più competitivo rispetto a quello delle principali concorrenti. Nello specifico l’allestimento Titanium presenta una dotazione piuttosto completa che comprende cerchi da 16 pollici, climatizzatore manuale, cruise control, fendinebbia, autoradio e computer di bordo. A parte si possono richiedere numerosi accessori extra che Ford promuove ad acquistare a “pacchetti”. Il SYNC costa 250 euro o 500 euro se abbinato all’autoradio Sony con lettore CD; il climatizzatore automatico, il keyless, i vetri oscurati e i sensori crepuscolare/pioggia sono offerti nel Titanium Pack per 750 euro. E ancora il City Pack Premium include la telecamera posteriore, i sensori di parcheggio e i retrovisori ripiegabili elettricamente per ulteriori 500 euro. Stranamente al lancio dell’auto non è disponibile un navigatore che arriverà nel corso del 2013. Ma se si richiede il SYNC – ci precisano in Ford – e sul proprio smartphone si utilizza un app di navigazione, le istruzioni vocali saranno riprodotte dall’impianto audio dell’auto. Tetto apribile (panoramico) e vernice metallizzata, costano rispettivamente 750 e 550 euro.

Scheda Versione

Ford B-Max
Nome
B-Max
Anno
2012
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
Multispazio
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Ford , auto europee


Listino Ford B-Max

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.4 90cv Plus anteriore benzina 90 1.4 5 € 17.000

LISTINO

1.0 100cv Ecoboost Plus anteriore benzina 100 1 5 € 17.750

LISTINO

1.4 90cv Business anteriore benzina 90 1.4 5 € 18.000

LISTINO

1.4 90cv Sport 2 anteriore benzina 90 1.4 5 € 18.500

LISTINO

1.4 90cv Titanium anteriore benzina 90 1.4 5 € 18.500

LISTINO

1.6 105cv Powershift Plus anteriore benzina 105 1.6 5 € 18.500

LISTINO

1.4 90cv benzina/GPL Plus anteriore GPL 87 1.4 5 € 18.500

LISTINO

1.5 TDCi 75cv DPF Plus anteriore diesel 75 1.5 5 € 18.500

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top