dalla Home

Home » Argomenti » Auto e Salute

pubblicato il 30 agosto 2012

Dossier Auto e Salute

Tante ore in auto? Fai ginnastica

Per chi passa molto tempo in macchina, è utile qualche piccolo esercizio muscolare. Ma mai durante la guida

Tante ore in auto? Fai ginnastica

No, non vi stiamo suggerendo di trasformare l'abitacolo della vostra auto in una palestra, né di fare ginnastica mentre guidate, ma semplicemente vi consigliamo qualche piccolo esercizio da eseguire in macchina per allentare la tensione muscolare. Con tre obiettivi: prevenire mal di schiena, sentirsi (un po’) meglio se già si avverte qualche lieve dolore, e migliorare la sicurezza stradale, visto che una condizione psicofisica ottimale è alla base per tenersi alla larga dagli incidenti. Nessuna ricetta magica, ovviamente, giacché la "ginnastica in auto" può solo essere un modo per rilassarsi con beneficio specie per il collo; ma pur sempre un minimo accorgimento per evitare che la guida prolungata nel traffico caotico metropolitano o in autostrada infiammi i muscoli.

PREMESSA
La base di partenza d’obbligo è semplice: mai distrarsi al volante, in nessuna occasione; e mantenere sempre alta la concentrazione su strada, pedoni, segnali e veicoli. Con la macchina in circolazione, il Codice della strada vieta di distogliere l’attenzione dalla guida. Qualsiasi esercizio che siete abituati a eseguire o quelli che andremo a suggerirvi, devono sempre essere messi in pratica quando la vettura è in assoluta sicurezza, ferma e col motore spento. Non stiamo parlando di una seduta di un’ora in palestra con gli attrezzi, ma di due-tre minuti di leggeri allungamenti muscolari adatti a qualsiasi persona di sana costituzione: in un parcheggio se siete in città; in un’area di servizio o di sosta se vi trovate in autostrada. Occhio, le corsie e le piazzole d’emergenze non possono assolutamente essere usate a tal fine, perché possono essere occupate - come dice la parola stessa - solo in casi estremi.

PRONTI... VIA!
Punto primo, individuate un ostacolo che faccia adeguata resistenza alla vostra forza fisica: spingete il pugno destro contro il palmo dell’altra mano, che resiste alla spinta, restando fermo per 30 secondi. E viceversa. In due parole, si tratta della ginnastica isometrica, che si basa (come spiega l’Eu.N.I., l’European Neurosurgical Institute) sul contrarre i muscoli senza movimento, dando ulteriore forza ai vostri muscoli. Si può pure appoggiare un pugno chiuso contro il tettuccio dell’auto e spingere (senza eccedere) come se voleste sollevarlo. Aiuta a rilassare anche lo “stringere”, o meglio l’irrigidire i muscoli delle cosce per 5 secondi. Utile, allo stesso modo, stringere i pugni 5 secondi per poi rilassarsi. L’Eu.N.I., per allentare la tensione, suggerisce di inspirare cercando di gonfiare l'addome, per poi espirare tentando di tirare l’addome stesso in dentro. Prezioso anche abbassare più possibile la testa, seppure con estrema cautela, e dondolare il capo a destra e a sinistra; eseguire delle circonduzioni del capo (che gira lentamente in tutte le direzioni). Sono esercizi di rotazione leggera, per una trentina di secondi. Con le mani sulla nuca che spingono verso il basso, cercate poi di rialzare la testa giocando sul fattore resistenza, per 10 secondi. Inoltre, ponete le mani ai lati delle ginocchia e spingete le gambe verso l’esterno per 10 secondi. Volendo, potete poggiare la nuca al poggiatesta e spingere il capo per due secondi, rinforzando così i muscoli estensori della testa. Secondo il Centro di medicina osteopatica, per sciogliere i muscoli della schiena, elevate una spalla mentre l’altra si abbassa, e viceversa. E ancora: stendete le braccia in avanti, inarcando la colonna dorsale indietro mentre le spalle si spingono avanti, in modo da allungare i muscoli posteriori del tronco. Non vi basta? E allora chiudete in bellezza stringendo anche il volante, con entrambe le mani, per 30 secondi. Gli esperti suggeriscono infine di fare presa sulla corona del volante, flettendo la testa in avanti fra i gomiti, e mantenendo le braccia tese per 10 secondi.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , salute


Top