dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 20 agosto 2012

BMW Zagato Roadster

La due posti italo-tedesca perde il tetto, ma non la doppia gobba

BMW Zagato Roadster
Galleria fotografica - BMW Zagato RoadsterGalleria fotografica - BMW Zagato Roadster
  • BMW Zagato Roadster - anteprima 1
  • BMW Zagato Roadster - anteprima 2
  • BMW Zagato Roadster - anteprima 3
  • BMW Zagato Roadster - anteprima 4
  • BMW Zagato Roadster - anteprima 5
  • BMW Zagato Roadster - anteprima 6

Nuovo concorso d’eleganza, nuova BMW Zagato. Dopo la Coupé presentata a Villa d’Este pochi mesi fa è infatti arrivato il turno della BMW Zagato Roadster, svelata in anteprima mondiale al Pebble Beach Concours d’Elegance 2012. L’unione dell’esperienza Zagato nella realizzazione di carrrozzerie artigianali e della base meccanica della BMW Z4 ha dato così vita ad una spider in puro stile californiano, ma con meccanica bavarese e stile italiano. Andrea Zagato parla della BMW Zagato Roadster come di una vettura che sarebbe già pronta per una produzione in piccola serie, sfruttando le già dimostrate capacità dell’atelier italiano in tal senso.

CODA AFFILATA
Lo stile della BMW Zagato Roadster è, come nel caso della Coupé, opera di Norihiko Harada e propone le stesse slanciate proporzioni sottolineate dalla griglia anteriore tappezzata di “Z”. L’assenza del tetto rende ancora più evidente la “scolpitura” della fiancata e la finitura nera del montante anteriore segna uno stacco ancora più netto fra linea di cintura e parabrezza. Un particolare distintivo della BMW Zagato Roadster è il design della coda, che senza il lunotto spiovente della Coupé diventa più bassa e sfuggente. Lo “specchio” posteriore è più basso e raccolto e i roll-bar di sicurezza dietro i poggiatesta hanno una conformazione alare che li rende inconfondibili e parte del design complessivo.

LA DOBBA GOBBA E’ SOFT
La firma Zagato della “doppia gobba” sul tetto è riproposta nella forma tettuccio in tela che si estende sulla coda, mentre le finiture scure e opache delle luci posteriori e del diffusore sottolineano la sportività della BMW Zagato Roadster. La specifica verniciatura in grigio brillante la distingue dalla BMW Zagato Coupé e a seconda delle condizioni di luce offre riflessi che vanno dall’argento al grigio scuro. I cerchi da 19” a cinque razze sono uguali a quelli della Coupé. All’interno spiccano quelle finiture speciali che comprendono ampi rivestimenti in pelle marrone, il logo Zagato sui sedili, le cuciture a contrasto e altri dettagli che fondono lo stile dell’abitacolo con il design esterno.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Bmw , car design


Top