dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 10 agosto 2012

Italia in fiamme: se l’auto s’incendia

Difficile ottenere il rimborso se la macchina va a fuoco

Italia in fiamme: se l’auto s’incendia

L’Italia va in fumo: dopo la giornata di fuoco di mercoledì 8 agosto, con 60 roghi solamente a Roma, giovedì nella capitale bruciava pefino la collina di Monte Mario. Il fuoco ha lambito la zona di Villa Madama e della comunità Don Orione. L’allarme incendi va alla Liguria alla Sicilia passando per la Puglia e la Calabria. Il presidente dei Verdi Angelo Bonelli chiede al Governo Monti di valutare la possibilità di utilizzare "in modo concreto e rapido uomini e mezzi dell'esercito, visto che siamo di fronte a un'emergenza per tutto il territorio nazionale”. Incendi che paiono di origine dolosa, come se dietro ci fosse un piano preciso; oppure si tratti di piromani scatenati come non mai. Rincara la dose il Pd, con Ermete Realacci: "C’è un vertiginoso aumento degli incendi e delle aree boschive andate in fumo nei primi sette mesi del 2012. Per fare fronte a questo fenomeno, in crescita del 93% rispetto al 2011, servono risorse adeguate, sia finanziarie sia umane". E oltre ai veri drammi (morti e ustionati), c’è poi il problema delle auto: chi rimborsa i proprietari delle vetture andate in fiamme? Un bel guaio, giacché le possibilità di ottenere un quattrino sono misere.

Se l’automobilista ritrova la sua auto carbonizzata in un luogo in cui la magistratura accerta che l'origine dell'incendio è colposa, cioè è stato qualcuno negligente a generare le fiamme, si ha diritto al rimborso assicurativo solo se la macchina è coperta dalla polizza contro furto e incendio. Nel caso in cui venga accertata l'origine dolosa, cioè se qualcuno ha appiccato il fuoco di proposito (e se si riesce a dimostrarlo), occorre che l'eventuale polizza contro furto e incendio includa gli atti vandalici. E allora l'Assicurazione risarcisce il danneggiato (anche se occorre sempre leggere cosa dice il contratto). Però occhio: il cliente verrà rimborsato in base al valore del veicolo in quel momento. Inoltre, gli verrà sottratta la franchigia (sui 500-1.000 euro) oppure lo scoperto (sul 10-20%). Col guaio che, specie al Sud, le polizze contro furto e incendio vengono rilasciate solo a prezzi salatissimi, oppure con franchigie e scoperti molto elevati. E questi incendi non faranno che far schizzare all’insù le polizze. Senza dimenticare che diverse Compagnie concedono gli atti vandalici più gli eventi sociopolitici solamente con l’acquisto della Kasko: la garanzia costosissima che copre al 100% la macchina.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , assicurazioni


Top