dalla Home

Curiosità

pubblicato il 9 agosto 2012

L'Audi R8 e-tron avrà lo specchietto retrovisore digitale

Dopo la R18 a Le Mans, debutta su un'Audi di serie la retrocamera con schermo AMOLED interno

L'Audi R8 e-tron avrà lo specchietto retrovisore digitale
Galleria fotografica - Audi R8e-tron: lo specchietto retrovisore digitaleGalleria fotografica - Audi R8e-tron: lo specchietto retrovisore digitale
  • Audi R8e-tron: lo specchietto retrovisore digitale - anteprima 1
  • Audi R8e-tron: lo specchietto retrovisore digitale - anteprima 2
  • Audi R8e-tron: lo specchietto retrovisore digitale - anteprima 3
  • Audi R8e-tron: lo specchietto retrovisore digitale - anteprima 4
  • Audi R8e-tron: lo specchietto retrovisore digitale - anteprima 5

Uno degli elementi che più contrastano la "pulizia" delle forme di una vettura è costituito dagli specchietti retrovisori esterni, oggi sempre più integrati nel design complessivo delle auto nuove, ma anche con dimensioni degli specchi sempre più grandi per motivi di sicurezza. Un'alternativa, presente in numerosi prototipi da salone, sarebbe l'impiego di piccole telecamere in grado di mostrare ampie zone attraverso monitor interni: tuttavia il sistema ha ancora problemi di omologazione. Un primo passo verso questa soluzione viene ora da Audi, che annuncia l'impiego nella prossima Audi R8 e-tron, attesa per la fine del 2012, di uno specchietto retrovisore digitale, in grado per il momento di sostituire il solo specchietto centrale sul parabrezza, ma con una visuale più ampia e un'avanzata tecnologia elettronica.

SPERIMENTATA A LE MANS
Il sistema ha debuttato sulla Audi R18 e-tron quattro volte vincitrice a Le Mans: si trattava di uno schermo AMOLED (active matrix organic light emitting diode) disposto nella consueta posizione dello specchietto interno, in grado di mostrare aree ancora più ampie rispetto ad un retrovisore tradizionale grazie ad una telecamera esterna. Nell'impiego in corsa, il sistema ha dimostrato di poter superare bene le criticità, riuscendo a mantenere immagini nitide anche ad altre 300 km/h, e garantendo una buona visibilità posteriore anche su una vettura totalmente sprovvista di lunotto come la R18, collocando la telecamera digitale nella parte posteriore del tetto.

DALLE CORSE ALLA SERIE
Per la Audi R8 e-tron è prevista una produzione in serie limitata; si tratterà comunque del debutto su una vettura stradale dello specchietto digitale: la R8 infatti, come la R18, non prevede né il lunotto, né feritoie per la visibilità posteriore. Una piccola e leggerissima telecamera è collocata in un alloggiamento ottimizzato aerodinamicamente e riscaldabile in caso di basse temperature; la lente ha un diametro di pochi millimetri, e può riprendere un'ampia area che viene riprodotta su un monitor a colori di 7,7" con display AMOLED prodotto da Samsung, che debutta per la prima volta su una vettura "stradale". La caratteristica di questo materiale organico, già presente nel settore della telefonia cellulare, è la capacità di auto-illuminarsi con un basso voltaggio, senza retroilluminazione, e con prestazioni migliori di un tradizionale schermo LCD. Il sistema prevede un controllo elettronico, in grado ad esempio di adattare la ripresa alla luminosità esterna e impedire l'abbagliamento causato dalle luci degli altri veicoli; inoltre, il conducente può diminuire la luminosità dello schermo manualmente, o anche spegnerlo. La successiva evoluzione dello specchietto interno digitale consisterà nel visualizzare altre informazioni utili nel monitor.

Scheda Versione

Audi R8
Nome
R8
Anno
2007 - F.C.
Tipo
Extralusso
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Audi , auto elettrica


Top