dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 9 agosto 2012

Rca, lesioni fisiche: autunno di battaglia

Si preannunciano mesi intensi in materia di rimborsi assicurativi

Rca, lesioni fisiche: autunno di battaglia

Leva tariffaria nella Rca, ecco una maledizione per gli automobilisti italiani. Di che si tratta? Semplice: salgono i costi a carico delle Assicurazioni, e queste per cercare di pareggiare i conti alzano i prezzi Rca. Quei costi sono dovuti anche ai rimborsi per le lesioni fisiche, truffe incluse. Chi sperava che, con il colpo di frusta risarcibile solo presentando esami strumentali, le Compagnie si accontentassero e abbassassero le Rca, si sbagliava di grosso: in realtà, sul tavolo permangono almeno due problemi. Il primo è l’interpretazione data da alcune Compagnie a quella norma sul colpo di frusta; la seconda partita si giocherà, da settembre in poi, nel campo delle lesioni gravissime, quelle con un minimo di 10 punti percentuali d’invalidità permanente.

CHE NE PENSA L’ISVAP
A proposito del primo problema, è lo stesso Istituto di vigilanza sulle Assicurazioni a sostenere che la Legge liberalizzazioni abbia introdotto criteri più stringenti e rigorosi nella valutazione medico-legale delle lesioni di lieve entità per contrastare il fenomeno dei falsi incidenti (a favore di un abbassamento dei livelli tariffari). L’Autorità ha fornito alle Imprese indicazioni su questi aspetti: il danno biologico permanente (i postumi invalidanti conseguenti alla lesione) devono essere stato valutati dal medico legale attraverso un accertamento clinico strumentale obiettivo per poter dar luogo a risarcimento. Il danno biologico temporaneo, cioè i giorni di inabilità temporanea assoluta o relativa conseguenti all’evento lesivo, può invece essere accertato dal medico legale sia visivamente sia strumentalmente. L’Isvap ha chiesto alle Assicurazioni di conoscere le iniziative adottate per uniformarsi ai nuovi criteri di valutazione del danno biologico, unitamente a copia delle circolari e delle direttive impartite alle strutture liquidative e ai medici legali fiduciari. Qui sta il guaio: delle 55 Imprese, 32 hanno inviato circolari ai medici fiduciari e ai liquidatori con indicazioni conformi a quelle formulate dall’Autorità; ma ben 12 hanno diramato istruzioni non conformi, richiedendo anche per semplici invalidità temporanee costosi e complessi accertamenti diagnostici. E le altre Imprese hanno diramato generiche linee guida alle sole strutture liquidative. Sentite l’Isvap: “Anche di fronte a norme che vanno nel senso voluto dall’industria assicurativa, le Imprese riescono a darne un’applicazione che si spinge oltre, non tenendo in considerazione l’impatto sui consumatori. Sono in corso verifiche e interventi per ricondurre a conformità i comportamenti delle Assicurazioni”.

MACROLESIONI
La seconda questione attiene alle lesioni gravissime, il danno biologico. L’Isvap auspica la ripresa dell’iter legislativo per l’emanazione del Decreto del presidente della Repubblica che completi la regolamentazione normativa con riguardo alle macrolesioni, “che potrà portare apprezzabili benefici in termini di uniformità di valutazione, riduzione del contenzioso (giudiziario e stragiudiziario), stime più puntuali ed eque del costo dei sinistri”. Ma è proprio così? Davvero il punto unico nazionale (che uniformerà i criteri di valutazione lungo tutto lo Stivale eliminando le diversità dovuto all’apprezzamento dei vari Tribunali) sarà un vantaggio per i consumatori? Occorre la massima cautela: col punto unico, i risarcimenti per le lesioni gravissime verranno dimezzati, giacché le valutazioni cui fa riferimento la tabella in questione sono molto vecchie (risalgono addirittura al 2005), e tengono conto solo parzialmente di tutte le conseguenze patite dall’assicurato (si veda il danno morale). Qui parliamo di automobilisti che perdono un braccio in un incidente, con riflessi pesantissimi per la vita di tutti i giorni: a loro spetta un rimborso equo.

Vedi qui tutto sulle assicurazioni.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , assicurazioni


Top