dalla Home

Curiosità

pubblicato il 6 agosto 2012

Ford: fabbriche virtuali per ottimizzare le linee di assemblaggio

La tecnologia consente di simulare la produzione di veicoli completi

Ford: fabbriche virtuali per ottimizzare le linee di assemblaggio
Galleria fotografica - La fabbrica virtuale FordGalleria fotografica - La fabbrica virtuale Ford
  • La fabbrica virtuale Ford - anteprima 1
  • La fabbrica virtuale Ford - anteprima 2

I computer non sono soltanto un supporto alla progettazione delle automobili, ma anche alla realizzazione degli impianti che servono a costruire le auto. Lo dimostra Ford, che ha investito in un sistema informatico in grado di realizzare una completa "fabbrica virtuale", per verificare costi e qualità del prodotto. Gli ingegneri sono così in grado di intervenire in eventi simulati, con analisi interattiva in 3D del prodotto realizzato. Non è una novità per Ford: già 15 anni fa, nel 1997, la casa tedesca è stata la prima a utilizzare questa tecnologia per pianificare la costruzione dei veicoli; allora veniva impiegata come supporto alle tecniche tradizionali, oggi la simulazione informatica fa parte integrante del ciclo di sviluppo di ogni automobile.

Ovviamente, questo modo di procedere ha numerosi vantaggi in termini di tempi e di costi, eliminando prima di tutto gran parte dei dispendiosi e complessi test "sul campo" per realizzare o modificare linee di produzione; inoltre, le simulazioni virtuali possono fornire dati utili alle fabbriche Ford di tutto il mondo. Per avere informazioni realistiche, il sistema prevede innanzi tutto la scansione e la digitalizzazione in 3D degli elementi delle fabbriche esistenti; proiettori e occhiali speciali permettono di creare poi gli scenari interattivi, che vengono analizzati da specialisti in ergonomia per valutare il lavoro di ogni operatore nella catena di montaggio. Il sistema è in grado anche di mettere al lavoro una persona virtuale (con un software denominato "Jack"), che può essere analizzata nel dettaglio, ad esempio controllando il movimento delle dita. La tecnologia 3D e con "realtà aumentata" (l'unione di oggetti "fotografati" dalla realtà con altri simulati elettronicamente), permettono a Ford anche di analizzare abitabilità, visibilità e ergonomia dell'abitacolo delle nuove vetture, prima ancora di costruire i modelli in scala.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Ford , produzione


Top