dalla Home

Mercato

pubblicato il 27 luglio 2012

Volkswagen: "Marchionne lasci l'Acea"

Wolfsburg non ha gradito le critiche agli sconti che l'ad Fiat ha riferito all'International Herald Tribune

Volkswagen: "Marchionne lasci l'Acea"

Il "bagno di sangue" di Sergio Marchionne non è una metafora che è andata giù a Volkswagen, che ha chiesto le dimissioni dell'ad Fiat dalla presidenza dell'Acea, l'associazione che riunisce i costruttori europei che Marchionne presiede dallo scorso dicembre. La querelle nasce da una sua intervista rilasciata all'International Herald Tribune nella quale ha detto: "La politica di sconti aggressivi messa in atto da Volkswagen è un bagno di sangue sui prezzi e sui margini. Non ho mai visto una situazione così difficile, la Commissione europea dovrebbe coordinare una razionalizzazione del settore e quelli che davvero non hanno fatto nulla in questo senso sono i francesi e i tedeschi, che non hanno ridotto la capacità".

Wolfsburg non ha gradito affatto e ha affidato la bordata di risposta a Stephan Gruehsem, responsabile della comunicazione del Gruppo Volkswagen, che non le ha certo mandate a dire: "Mr Marchionne è insopportabile in qualità di presidente dell'Acea. Gli chiediamo di dimettersi", ha affermato questa mattina il portavoce della Volkswagen dalle colonne del Wall Street Journal, annunciando anche che il costruttore più potente al mondo sarebbe pronto a lasciare l'associazione dei costruttori se la presidenza di Marchionne proseguisse su questa linea.

Autore:

Tag: Mercato , Volkswagen , produzione


Top