dalla Home

Curiosità

pubblicato il 17 luglio 2012

Aspid GT-21 Invictus

La nuova supercar spagnola 2+2 ha il V8 BMW da 450 CV, ruote anteriori scoperte e sospensioni da corsa

Aspid GT-21 Invictus
Galleria fotografica - Aspid GT-21 InvictusGalleria fotografica - Aspid GT-21 Invictus
  • Aspid GT-21 Invictus - anteprima 1
  • Aspid GT-21 Invictus - anteprima 2
  • Aspid GT-21 Invictus - anteprima 3
  • Aspid GT-21 Invictus - anteprima 4
  • Aspid GT-21 Invictus - anteprima 5
  • Aspid GT-21 Invictus - anteprima 6

La spagnola Aspid sembra aver abbandonato definitivamente ogni legame tecnico-stilistico con le precedenti realizzazioni in stile Lotus Seven e lo dimostra con la nuova Aspid GT-21 Invictus. Si tratta di un’inedita supercar che sarà prodotta entro due anni, con misure sensibilmente maggiori rispetto alle altre realizzazioni della Casa catalana. L’Aspid GT-21 Invictus misura 4.447x1.902x1.226 mm, pesa 965 kg ed è propulsa dal V8 aspirato di 4.361 della BMW M3 GTS. La potenza è di 450 CV, la coppia massima è pari a 440 Nm, valori che permettono all’Aspid GT-21 Invictus di scattare da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi (10,6 secondi per i 200 km/h) e di raggiungere i 305 km/h. Il gruppo propulsore è anche dotato di un sitema ibrido di cui non sono state forniti i dati tecnici, ma che potrebbe essere molto simile al KERS della Formula 1.

SOSPENSIONI PUSH ROD
La carrozzeria in materiali compositi dell’Aspid GT-21 Invictus propone un lungo cofano anteriore, piccolo abitacolo 2+2 arretrato e forme “taglienti” che sembrano riprendere stilemi di altre moderne supercar. Il telaio scatolato “Alexcom” è composto da pannelli in honeycomb d’alluminio e pesa meno di 90 kg. L’Aspid GT-21 Invictus ha un rapporto peso/potenza di 2,2 kg/CV, trazione posteriore e propone la scelta fra il cambio a doppia frizione 7 marce o il manuale a 6 rapporti. Le sospensioni push rod sono composte da leggeri doppi bracci oscillanti in tubi estrusi d’alluminio, mentre i freni utilizzano un non meglio specificato sistema Twin Brake Disc (400 mm) che dovrebbe avere i vantaggi dei carboceramici senza proporne gli svantaggi.

RUOTE SCOPERTE
Curiosa e nella più pura tradizione british è la presenza di ruote anteriori “scoperte”, ovvero al di fuori della carrozzeria e coperte solo da un piccolo parafango mobile. I cerchi sono da 19” x 9J davanti e 20” x 11J dietro. Un altro elemento unico dell’Aspid GT-21 Invictus è la strumentazione, sostituita dal sistema Unidrive. In pratica si tratta di un compatto pannello strumenti digitale integrato nel volante, con tutti i comandi inclusi e un peso tre volte inferiore a quello di un elemento tradizionale. L’abitacolo propone un roll bar a gabbia, mentre il bagagliaio posteriore ha una capacità di 275 litri. L’Aspid GT-21 Invictus, il cui prezzo non è stato ancora definito, sarà prodotta in 250 esemplari all’anno e commercializzata attraverso una rete di 20 rivenditori europei. Il cliente potrà scegliere fra cento diverse possibilità di personalizzazione e sarà invitato a ritirare la vettura presso la sede di Reus per conoscere gli ingegneri e i tecnici che l’hanno realizzata.

Autore:

Tag: Curiosità , auto europee


Top