dalla Home

Curiosità

pubblicato il 16 agosto 2012

Traffico: 15 giorni l'anno persi in coda

A Roma fino a 105 minuti di permanenza in macchina ogni giorno

Traffico: 15 giorni l'anno persi in coda

Nelle situazioni di traffico quotidiano, è difficile rendersi conto di quanto tempo si trascorra effettivamente in coda. C'è chi lo ha calcolato: secondo un'indagine di TomTom, compiuta in alcune metropoli italiane, gli automobilisti passano in media 75 minuti al giorno, che corrispondono a 15 giorni in un anno e fino a tre anni di vita. La situazione peggiore è per Roma: il percorso di andata e ritorno, partendo dai Castelli, comporta fino a 105 minuti quotidiani di viaggio nel traffico, tra le code del Grande Raccordo Anulare (che incidono per ben 50 minuti), i rallentamenti di via Tiburtina, via Cassia e via Aurelia (tra i 30 e i 40 minuti), i frequenti cortei delle vie del centro, come Via Nazionale (ulteriori 10-15 minuti).

TUTTI IN FILA
Non va molto meglio a Milano: nei 70 minuti giornalieri medi di coda sono compresi il tratto della autostrada A4 Milano-Bergamo e le tangenziali, bloccate per circa 40 minuti al giorno, soprattutto nelle ore di punta (tra le 7.00 e le 9.00 e tra le 18.00 e le 19.00). Nell'area cittadina, gli ingorghi proseguono sulle circonvallazioni nel perimetro dell’Area C a traffico limitato, che incidono per altri 30 minuti. Rispetto a Roma e Milano, Napoli va meglio: i pendolari passano in coda circa 50 minuti, con i rallentamenti concentrati lungo la direttrice Casoria–Centro Direzionale, e sulle strade dall’aeroporto di Napoli Capodichino e dalla stazione di Napoli Centrale verso Sorrento e la costiera Amalfitana, che incidono per circa 30 minuti al giorno. In centro, poi, alcune vie risultano molto congestionate, come ad esempio Corso Umberto I e le vie circostanti, con ritardi di circa 20 minuti.

UNA MEDIA DI 75 MINUTI
75 minuti di coda al giorno equivalgono a circa 15 giorni all'anno passati nel traffico, e il fatto diventa tanto più critico quanto più l'automobile diventa l'unico modo per raggiungere luoghi di lavoro o uffici pubblici in determinati luoghi e orari. I sistemi di navigazione recenti permettono di aiutare la ricerca di percorsi alternativi in caso di coda, ma in certe situazioni le strade sono quasi obbligate: è vero che la storicità delle nostre metropoli di certo non aiuta, ma solo ripensando completamente le grandi città come dei "macro-organismi", con una chiara visione d'insieme e uno sguardo in prospettiva, sarà possibile non passare in coda gran parte del proprio tempo.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , statistiche


Top