dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 29 giugno 2012

L'italiano e il rifornimento "comodo"

Un sondaggio rivela spese e abitudini degli italiani in merito all'uso dei carburanti

L'italiano e il rifornimento "comodo"

Gli italiani sanno che sul costo totale dei carburanti gravano le accise, ma non tutti sanno quanto costano benzina e gasolio al litro; più della metà preferisce essere servito dal benzinaio, e a volte la comodità prevale sull'economia, mentre non tutti sono interessati a servizi aggiuntivi al distributore. E' quanto emerge dall'indagine ISPO "Rifornimento comodo" realizzata su un campione di 800 autisti di mezzi motorizzati per conto di Unione Petrolifera.

POCHI CONOSCONO IL PREZZO ALLA POMPA, TUTTI LA SPESA MENSILE
Complici la rete e i mezzi di informazione, quasi tutti gli intervistati ritengono che il carburante in Italia sia più caro che negli altri paesi europei, e questo a causa delle accise, che, secondo l'80% del campione, incidono almeno per la metà sul prezzo finale; tuttavia, il 20% ammette di non sapere quanto costi al litro la benzina, e il 40% il gasolio -questo anche per una notevole fluttuazione dei prezzi alla pompa in quest'ultimo periodo, tra aumenti decisi anche dal governo e sconti praticati dalle compagnie. Gli italiani, però, tengono i conti per ciò che riguarda la spesa media mensile, che ammonta a circa 120 euro di media (il 10% supera i 150 euro). Solo i guidatori tra i 18 e i 34 anni si affidano a internet per conoscere i prezzi dei carburanti, che sono noti principalmente per i cartelloni esposti nei distributori.

L'ITALIANO PREFERISCE IL RIFORNIMENTO "SERVITO"
Gli italiani, tradizionalmente, non amano il self-service, che però in tempo di crisi potrebbe essere una soluzione per risparmiare: circa il 56% degli intervistati preferisce essere servito per il rifornimento, e tra questi soprattutto donne, anziani, lavoratori in proprio e metropolitani, oppure che spendono cifre mensili inferiori alla media per il carburante (meno di 55 euro); preferiscono il self-service uomini e giovani. In ogni caso, quasi 4 intervistati su 10 non sono disposti a rinunciare completamente al rifornimento servito, come invece accade in molti altri pesi europei.

SI CERCA LA CONVENIENZA, MA ANCHE LA COMODITÀ
Curioso anche il rapporto tra comodità e risparmio, che alla fine risulta abbastanza bilanciato. Il 70% dichiara di cercare il benzinaio piuÌ

Autore: Sergio Chierici

Tag: Attualità , carburanti alternativi , carburanti


Top