dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 29 giugno 2012

Le tecnologie Volvo riducono il rischio di tamponamento in autostrada del 42%

Pubblicati i risultati del progetto EuroFOT sull'analisi del comportamento stradale dei conducenti

Le tecnologie Volvo riducono il rischio di tamponamento in autostrada del 42%
Galleria fotografica - Le tecnologie di sicurezza VolvoGalleria fotografica - Le tecnologie di sicurezza Volvo
  • Le tecnologie di sicurezza Volvo - anteprima 1
  • Le tecnologie di sicurezza Volvo - anteprima 2
  • Le tecnologie di sicurezza Volvo - anteprima 3
  • Le tecnologie di sicurezza Volvo - anteprima 4
  • Le tecnologie di sicurezza Volvo - anteprima 5
  • Le tecnologie di sicurezza Volvo - anteprima 6

Volvo ha partecipato ad un programma dell'Unione Europea denominato EuroFOT (European Field Operational Test on Active Safety Systems), che aveva lo scopo di monitorare il comportamento dei conducenti nel traffico: i tecnici di Volvo hanno raccolto 30 terabytes di dati, dopo che 263 guidatori hanno percorso 3 milioni di km con 100 Volvo V70 e XC70, dotate di sensori e telecamere, per un totale di 18 mesi di prove. Tra i risultati della ricerca, che comprendono i dati forniti da tutte le 28 case automobilistiche e società coinvolte nel progetto, si è riscontrato che tecnologie elettroniche di sicurezza quali il cruise control adattativo e l'avviso di collisione aiutano a ridurre il rischio di tamponamento dell'auto che precede per il 42%, durante la guida autostradale.

CINQUE TECNOLOGIE SOTTOPOSTE AL TEST DI USO QUOTIDIANO
Le analisi hanno riguardato il comportamento stradale delle vetture in ogni minimo dettaglio della guida quotidiana, compresi piccoli incidenti, e in ogni condizioni di traffico. Nel corso del progetto, sono state presentate nelle vetture sottoposte al test le più recenti tecnologie di Volvo, quali l'ACC (Adaptive Cruise Control) per mantenere una distanza preimpostata dal veicolo che precede, il CW (Collision Warning) che avverte del pericolo di una collisione, il BLIS (Blind Sport Information System) per avvertire della presenza di veicoli negli "angoli ciechi", l'LDW (Lane Departure Warning) che avvisa del superamento accidentale delle linee di demarcazione stradale, e il DAC (Driver Alert Control) per rilevare se il conducente è stanco o distratto.

LE TECNOLOGIE FANNO SENTIRE PIÙ SICURI
I dati rivelano che l'Adaptive Cruise Control è stato utilizzato in autostrada per più del 51% della distanza coperta, a dimostrazione che il sistema è stato apprezzato dai conducenti: ben il 94% ritiene di sentirsi più sicuro con l'ACC attivato. Anche il Collision Warning è stato apprezzato dal 70% dei guidatori, per l'aumento del livello di sicurezza; uno dei partecipanti, ad esempio, ha dichiarato: "Grazie al sistema di allarme, un paio di volte sono riuscito ad evitare di essere coinvolto in un incidente, quando i veicoli davanti hanno frenato in modo improvviso". Difficile però effettuare rilevazioni statistiche sui sistemi di avviso, come ad esempio BLIS e LDW, anche perché i sistemi nascono proprio per evitare l'incidente; l'unica cosa che si è riscontrata è che i guidatori hanno seguito le indicazioni degli avvisi. Lo stesso discorso vale per il DAC, che in alcune occasioni è riuscito effettivamente ad avvertire di un'eccessiva stanchezza i test driver partecipanti al progetto. Per Volvo, i dati raccolti saranno impiegati per raggiungere un obiettivo ambizioso e importante: la riduzione totale dei danni alle persone a seguito di un incidente nelle nuove Volvo del 2020.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Volvo , sicurezza stradale , statistiche


Top