dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 21 giugno 2012

Auto a metano in costante aumento: il primato emiliano

Nel 2011 l'Emilia Romagna è stata la prima nel consumo di metano per autotrazione

Auto a metano in costante aumento: il primato emiliano

Gli italiani si stanno sempre più convertendo al metano: i dati elaborati dall'Osservatorio Metanauto in occasione della manifestazione di settore NGV2012 mostrano che la tendenza nazionale per il 2011 è una crescita del metano per autotrazione, a fronte di un calo delle vendite di benzina e gasolio. La regione maggiormente legata all'uso del metano è, come da tradizione, l'Emilia Romagna, seguita dalle Marche.

CRESCE IL METANO, CALANO BENZINA E GASOLIO
Se a livello di quantitativi assoluti il metano ancora non può, ovviamente, rivaleggiare con gli altri combustibili, in termini percentuali la crescita è evidente: le vendite di metano per autotrazione nel 2011 sono cresciute del 3,8% rispetto all'anno precedente (da 848,9 a 881 milioni di metri cubi), rispetto ad un calo di benzina (-5,6%, da 9,886 a 9,333 milioni di tonnellate) e gasolio, il carburante più venduto anche perché utilizzato dai mezzi pesanti, che ha avuto un calo meno forte (-2,5%) ma significativo, passando da 17,165 a 16,737 milioni di tonnellate. Il dato è confermato dalla vendita delle vetture a metano, cresciuta del 50,38% nei primi 5 mesi del 2012, secondo i dati Unrae. La motivazione principale che spinge all'acquisto di automobili a metano, in questa fase, non è tanto l'aspetto ecologico, quanto la convenienza economica, anche a livello di veicoli aziendali.

EMILIA ROMAGNA LA PIÙ "METANIZZATA"
Guardando ai dati dell'Osservatorio Metanauto riguardanti il 2011 e ripartiti per ogni regione italiana, l'Emilia Romagna risulta ancora la regione con il maggior consumo di metano per autotrazione, con ben 203,54 milioni di metri cubi; seguono Marche (106,58 milioni) e Veneto (89,21 milioni). Sono invece agli ultimi posti Calabria (3,86 milioni), Molise (3,13 milioni) e Friuli Venezia Giulia (3,06 milioni). Anche i dati sulla quantità media di metano erogata da ogni distributore, confermano al primo posto l'Emilia Romagna, ma questa volta con lo stesso valore delle Marche, entrambe con una media di 1,38 milioni di metri cubi; seguono Umbria (1,36), Liguria (1,05) e Molise (1,04), mentre agli ultimi posti troviamo Basilicata (0,56), Calabria (0,55) e Trentino Alto Adige (0,39). La differenza di questi dati si spiega nella differente espansione territoriale della rete distributiva, soprattutto nei percorsi autostradali; da l'apertura di nuovi puti di erogazione e dall'aumento dell'offerta di auto a metano da parte delle Case automobilistiche, potrà dipendere un'ulteriore crescita del settore nei prossimi anni.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Mercato , metano , mobilità sostenibile , carburanti alternativi


Top