dalla Home

Test

pubblicato il 19 giugno 2012

Audi RS 4 Avant: station seria, sportiva sul serio

Il sound della nuova supercar familiare è travolgente e lei non si scompone. Nenche quando rivaleggia con le supercar

Audi RS 4 Avant: station seria, sportiva sul serio
Galleria fotografica - Audi RS 4 Avant al Red Bull RingGalleria fotografica - Audi RS 4 Avant al Red Bull Ring
  • Audi RS 4 Avant al Red Bull Ring - anteprima 1
  • Audi RS 4 Avant al Red Bull Ring - anteprima 2
  • Audi RS 4 Avant al Red Bull Ring - anteprima 3
  • Audi RS 4 Avant al Red Bull Ring - anteprima 4
  • Audi RS 4 Avant al Red Bull Ring - anteprima 5
  • Audi RS 4 Avant al Red Bull Ring - anteprima 6

Il verde brillante delle Alpi austriache ci avvolge a 360°, attorno ad una schiera di insospettabili bolidi di colore Misano Red, Sepang Blue e Suzuka Grey che ci attende formando un semicerchio. Siamo tra i saliscendi dell’autodromo dai mille nomi - Österreichring, A1-Ring, circuito di Zeltweg o Spielberg e dal 2011 Red Bull Ring -, dove la nuova Audi RS 4 Avant è pronta per farsi guidare in pista e su strada e mostrare come una station wagon possa tenere a bada le sportive per definizione. A farle compagnia nel listino troviamo la rivale d’elezione, la Mercedes C63 AMG station wagon, mentre i “nemici” in terra bavarese (gli uomini dell’Elica) le contrappongono la BMW M3, non prevista però con carrozzeria familiare. Peccato, perché con il suo understatement l’RS 4 Avant ha la sua ragion d’essere nell’attuale momento economico e fiscale, perché sa nascondere la sua natura di auto "sopra le righe".

CATTIVA COME SEMPRE, MA NON SEMBRA
Dietro al gruppo di RS 4 Avant tre presenze attirano la nostra attenzione: sono le sue antenate, esposte su piedistalli nel piazzale dell'autodromo. La capostipite è la RS 2 Avant del 1994, sviluppata con Porsche su base Audi 80, seguita dalla prima RS 4 Avant del 2000, concepita con l’inglese Cosworth (allora di proprietà dei Quattro Anelli). Il 2005 segna invece la nascita della seconda generazione di RS 4, per la prima volta equipaggiata con un V8 aspirato e proposta anche con carrozzeria berlina e cabrio. La “nostra” RS 4, invece, è solo Avant - l'attuale gamma sportiva Audi offre però la RS 5 Coupé - e rispetto al passato leviga le forme, integrando le modifiche di carrozzeria e telaio richieste dall’incremento prestazionale con la pulizia formale del design esterno. La tensione aggiuntiva conferita dal nuovo look non ostenta i 280 km/h di velocità massima (opzionali, come approfondiremo) e i 4,7 secondi nello 0-100 km/h di cui l’auto è capace, suggeriti solo dalla carreggiata e dai passaruota allargati, dall’assetto ribassato di 20 mm e dagli interventi aerodinamici: prese d’aria maggiorate, minigonne, diffusore posteriore e spoiler sul tetto. Per il resto spetta ai loghi “RS 4” sulla calandra e sul portellone il compito di informare i guidatori di sportive e supercar che questa station è in grado di tenere il loro passo. Agevolmente.

NERA, ACCOGLIENTE E CONNESSA
Con l’Audi RS 4 Avant l’esperienza della velocità è condivisibile, perché l’abitacolo offre comfort e spazio apprezzabile per quattro passeggeri e i loro oggetti (la capacità del bagagliaio varia da 490 a 1.430 litri), proprio come su un’Audi A4. Il punto di forza storico di questo modello dei Quattro Anelli - coniugare sportività e spazio - si ripropone poi in altri aspetti. Nei sedili anteriori a guscio, ad esempio, che convincono perché sostengono e contengono il corpo nella guida dinamica, senza ostacolare i movimenti e stancare nei lunghi tragitti. In questo contesto s’innesta la gestione elettronica attiva degli ammortizzatori del sistema Dynamic Ride Control (a richiesta), che in posizione Comfort addomestica l’assorbimento delle sospensioni quando l’asfalto non è quello di una pista. Protagonista è infine il cambio a doppia frizione S Tronic, abile nel conferire la morbidezza delle cambiate quando non sia richiesta cattiveria alla guida e pronto a snocciolare rapporti (con tanto di doppietta nelle scalate) se si decide di fare sul serio. Nel frattempo, materiali come fibra di carbonio (a richiesta si possono richiedere inserti in alluminio, lacca lucida o acciaio) vi avvolgono con il nero come colore dominante. Molto apprezzata la presenza della connessione WiFi a bordo (a pagamento), garantita dal telefono veicolare Bluetooth con modulo UMTS e hotspot WLAN integrato, mentre rimane scarsa l’intuitività d’utilizzo del sistema infotelematico MMI.

VA FORTE E NON SI LASCIA ANDARE
Nella pit lane del circuto della Red Bull, è tempo di dare fiato ai 4.163 cc del V8 FSI, aspirato a iniezione diretta con 450 CV a 8.250 giri/min e 430 Nm a 4.000-6.000 giri/min. Il sound di scarico della RS 4 Avant coinvolge fin da subito, ma già sappiamo che non resisteremo a lungo prima di selezionare la modalità Sport del sistema Audi Drive Select e aprire così le alette romboidali che dividono in due i flussi dei gas combusti nei terminali di scarico. Come suggerito da Mattias Ekström, pilota DTM dei Quattro Anelli, entriamo in pista sfruttando la modalità launch control, per testare l’accelerazione di questa super familiare. In un attimo superiamo i 190 km/h e siamo subito al secondo hairpin (tornantino) dopo una lunga salita, il piede sul freno affonda più del previsto ma la risposta dei dischi anteriori carboceramici (optional) è rassicurante. La trazione integrale quattro ripartisce almeno il 60% della coppia alle ruote posteriori, fra cui è possibile avere a richiesta un differenziale a slittamento limitato: forziamo la mano e affondiamo il gas prima del punto di corda, per provocare un sottosterzo di potenza. Anche in questi frangenti, la RS 4 non si scompone mostrando una direzionalità ferrea, che ci porta nella parte veloce del tracciato. Qui è la stabilità ad essere chiamata in causa, perché stiamo guidando un esemplare dotato della scatola di sterzo opzionale più diretta (la servoassistenza variabile arriva fino a un rapporto di 14:1 e fa il pari con i comandi elettrici della Porsche 911 e della Toyota GT86 per feeling di guida) e non abbiamo brutte sorprese quando scartiamo bruscamente ben oltre le velocità “codice” per sentire come il retrotreno risponda agli input di sterzo. Il passo lungo di 2,81 metri neutralizza bene anche i trasferimenti di carico che inneschiamo nei curvoni veloci prima di rientrare ai box: non ci siamo dimenticati della musica del V8, perché nella guida al limite della RS 4 Avant è lei a a regalare emozioni più che la sfida nel controllare sbandate o pattinamenti, assieme alla naturalezza della velocità di cui l’auto è capace. La pulizia di comportamento dell’Audi si fa valere anche su strada, nei 167 km percorsi fra le curve appoggiate sui pendii che fanno da culla al circuito. Ci si compiace nello sfruttare il poco angolo volante necessario per inserire l’avantreno in traiettoria, approfittando poco dopo della possibilità di regolare in modo indipendente assetto, motore, cambio, sterzo e differenziale. L'interfaccia Audi drive select ci permette di avere allo stesso tempo sospensioni morbide in assorbimento e risposte pronte della meccanica, con una bella colonna sonora a fare da sottofondo. Un ultimo cenno ai consumi: al termine della prova in pista e su strada il computer di bordo segna 14,9 l/100 km, non molto distanti dall’uso più accorto del ciclo combinato, con cui la casa dichiara 10,7 l/100 km come valori di omologazione.

PREZZI E DOTAZIONI
L’Audi RS 4 Avant è già ordinabile ed è attesa in Italia per l’autunno. In Germania il prezzo di listino è di 76.600 euro e le principali dotazioni di serie sono l’Audi drive select, i cerchi in lega fucinati da 19” a 10 razze 265/30 , i fari xeno plus, gli inserti in carbonio, i sedili sportivi S, con struttura a guscio, regolazione del supporto lombare elettrica e rivestimento in misto Alcantara/pelle, il volante appiattito inferiormente con paddle al volante per azionare il cambio doppia frizione a 7 marce con funzione launch control e ultimo rapporto allungato. Fra gli optional si segnalano 8 tinte di carrozzeria, la possibilità di eludere l’elettronica e raggiungere i 280 km/h di punta velocistica, il differenziale sportivo posteriore, i dischi anteriori carboceramici, lo sterzo sportivo dynamic steering, il pacchetto sport suspension plus con gestione elettronica attiva degli ammortizzatori Dynamic Ride Control, i cerchi in lega da 20” e l’impianto HiFi Bang & Olufsen.

Galleria fotografica - Audi RS 4 Avant - TESTGalleria fotografica - Audi RS 4 Avant - TEST
  • Audi RS 4 Avant - TEST - anteprima 1
  • Audi RS 4 Avant - TEST - anteprima 2
  • Audi RS 4 Avant - TEST - anteprima 3
  • Audi RS 4 Avant - TEST - anteprima 4
  • Audi RS 4 Avant - TEST - anteprima 5
  • Audi RS 4 Avant - TEST - anteprima 6

Scheda Versione

Audi RS 4 Avant
Nome
RS 4 Avant
Anno
2012 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
Wagon
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Audi , auto europee , guida sportiva


Listino Audi A4

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
V8 4.2 FSI quattro S tronic Avant 4x4 benzina 450 4.2 5 € 80.700

LISTINO

 

Top