dalla Home

Curiosità

pubblicato il 12 giugno 2012

Negli USA l'auto elettrica si trasforma per chi è sulla sua sedia a rotelle

Il Kenguru EV è stato progettato apposta per avere un'apertura posteriore da cui accedere facilmente

Negli USA l'auto elettrica si trasforma per chi è sulla sua sedia a rotelle
Galleria fotografica - Kenguru EVGalleria fotografica - Kenguru EV
  • Kenguru EV - anteprima 1
  • Kenguru EV - anteprima 2
  • Kenguru EV - anteprima 3
  • Kenguru EV - anteprima 4
  • Kenguru EV - anteprima 5
  • Kenguru EV - anteprima 6

L'auto elettrica offre nuove opportunità per chi ha una capacità motoria ridotta. Dovendo reinventare da capo il prodotto su quattro ruote negli Stati Uniti si è pensato di cogliere l'occasione per mettere in vendita un'auto dedicata a chi si muove sulla sedie a rotelle molto più economica di quelle attualmente sul mercato. "Oggi convertire un'auto 'normale' in una per diversamente abili costa negli Stati Uniti 80.000 dollari, pari a circa 64.000 euro. Questo rende il Kenguru, che va in vendita a 25.000 dollari, meno di 20.000 euro, decisamente più economico", ha spiegato all'ANSA Stacy Zoern, proprietaria e AD della fabbrica Community Cars. Il prodotto è artigianale, ovvero assemblato a mano a Pflugerville, in Texas, e si chiama Kenguru EV.

La sua forma è piuttosto lontana da quella di una tradizionale citycar, ma è proprio questo che la rende adatta a chi utilizza la sedia a rotelle. Il Kenguru EV è nato per avere una sola porta posteriore da cui l'automobilista accede senza sforzo direttamente al posto di guida. Ed anche qui il Kenguru EV è innovativo, perché non ha un volante, ma un manubrio che presto sarà persino sostituito da un joystick. Lunga 2,125 mm, larga 1,620 mm ed alta 1,525 mm, l'auto elettrica in questione promette una velocità massima di 45 km/h ed un'autonomia compresa tra i 70 e i 110 km. Sul versante sicurezza, infine, è stato ideato un meccanismo che non consente di avviare il motore finché la sedia a rotelle non si è automaticamente ancorata per bene alla base della vettura.

Autore:

Tag: Curiosità , auto elettrica


Top