dalla Home

Eventi

pubblicato il 21 maggio 2012

Mercedes SL, 60 anni di "Sport Leicht" alla Mille Miglia 2012

Sulla nuova R231 inseguendo le "Ali di Gabbiano" e la 300 SLR del record

Mercedes SL, 60 anni di "Sport Leicht" alla Mille Miglia 2012
Galleria fotografica - Mercedes-Benz alla Mille Miglia 2012Galleria fotografica - Mercedes-Benz alla Mille Miglia 2012
  • Mercedes-Benz alla Mille Miglia 2012 - anteprima 1
  • Mercedes-Benz alla Mille Miglia 2012 - anteprima 2
  • Mercedes-Benz alla Mille Miglia 2012 - anteprima 3
  • Mercedes-Benz alla Mille Miglia 2012 - anteprima 4
  • Mercedes-Benz alla Mille Miglia 2012 - anteprima 5
  • Mercedes-Benz alla Mille Miglia 2012 - anteprima 6

Se chiedete ad un partecipante della Mille Miglia perché sciropparsi più di 1.600 km tutti di fila su una non certo comoda vettura storica, peggio ancora se da corsa, vi risponderà che gli applausi di mezza Italia valgono molto di più della fatica e dell'esborso necessario per partecipare alla "Freccia Rossa". Perché da 85 anni l'ammirazione del pubblico di ogni età per quei bolidi che attraversano mezza Italia è ancora intatta. In particolare per una vettura tedesca, una delle poche che seppe opporsi alle Alfa Romeo, alle Ferrari e ai più grandi piloti italiani della storia: la Mercedes SL. La "Sport Leicht" mosse i primi passi come vettura da competizione proprio fra Roma e Brescia 60 anni fa, una ricorrenza che abbiamo voluto celebrare anche noi di OmniAuto.it unendoci nella terza e decisiva tappa alle 382 veterane in gara su una Mercedes SL 500, la pronipote della vettura più importante nella storia della Casa della Stella.

L'ARMATA DI STOCCARDA
La "saga" SL è legata a doppio filo con la Mille Miglia ed è per questo che Mercedes ha preparato il sessantesimo compleanno della sua prediletta con uno spiegamento di forze imponente. Le Mercedes iscritte a questa trentesima edizione erano ben ventidue, di cui quindici schierate da Mercedes-Benz Classic. Al via tre SSK, parenti della SSKL (acronimo di Super-Sport-Kurz-Leicht) con cui Rudi Caracciola battè il record della corsa nel '31 diventando il primo pilota non italiano a tagliare per primo il traguardo di Brescia. Il resto dell'armata composto dalle "Sport Leicht", capitanate dalla prima SL della storia affidata a Bernd Maylander, la 300 SL W194 con cui la Casa di Stoccarda tornò alle competizioni dopo i tristi anni della guerra piazzandosi al secondo posto nel 1952 con Karl Kling. Dalla W194 nacque nel 1954 la 300 SL "Ali di Gabbiano" W198 I, prima vettura stradale dotata di iniezione e con 260 km/h di velocità massima la più veloce della sua epoca, un'icona della storia dell'automobile che in questa Mille Miglia 2012 ha voluto guidare anche il numero uno Dieter Zetsche. Il sempre in forma Jochen Mass ha pilotato invece la impegnativa 300 SLR W196 S, anch'essa pietra miliare dell'automobilismo, la "sport" che sotto la leggerissima carrozzeria in Elektrolon nascondeva la meccanica della W196 da Formula 1. Fu lei a consentire a Stirling Moss il successo più prestigioso della carriera, la vittoria alla Mille Miglia del 1955 con la media record di 157,65 km/h a cui contribuì l'invenzione del roadbook a scorrimento, uno stratagemma ideato dal suo coequipier, il giornalista britannico Denis Jenkinson. L'esemplare con cui ha corso Mass l'edizione 2012 è la numero "658", la stessa con la quale il grande Juan Manuel Fangio arrivò secondo quell'anno, ma in solitaria, con un ritardo di appena 32 minuti.

SL DI OGGI E IERI
In mezzo a tutte queste leggende ci siamo anche noi con la nuova SL 500, che non passa per nulla inosservata rispetto alle antenate a giudicare dalle mani che si agitano al nostro passaggio. Anche bimbi e anziani, tutti felici allo stesso modo, al nostro passaggio ci incitano a dare giù col gas e siamo ben felici di ricambiare il loro entusiasmo con qualche sovrasterzo di potenza, una manovra che riesce facile facile quando hai 435 CV sulle ruote posteriori e un V8 da 4,7 litri sotto il cofano. La sosta a Radicofani suscita anche la curiosità di un finanziere, che mentre sbircia la SL con la coda dell'occhio, senza troppa convinzione ci invita a favorire carta di circolazione e patente, forse per avere il tempo di osservarla meglio. Dopo l'incontro con le Fiamme Gialle ci ritroviamo a scattare le foto che ci chiedono i tanti ragazzi del posto che si fanno intorno. Li accontentiamo e poco dopo ripartiamo verso Siena, dove piazza del Campo e la sua gente "abbracciano" letteralmente la carovana della Mille Miglia, noi compresi. Usciamo dalla città del Palio e ci dirigiamo per la sosta pranzo a San Casciano in Val di Pesa, dove incontriamo Jochen Mass che ci racconta: "Abbiamo avuto un piccolo problema con la frizione della SLR, che ieri ha sofferto nella salita verso San Marino. Rimane comunque un'auto fantastica, l'ho già guidata almeno quindici volte ma è sempre un grande piacere. Ci vediamo a Brescia!". La strada corre veloce verso Firenze: con il setup delle sospensioni impostato su "Sport" e il cambio in modalità manuale cerchiamo di fare del nostro meglio per riuscire a rimontare sulle partecipanti che riescono a mantenere medie impressionanti. E' solo alla Mille Miglia che puoi scoprire che per quanto sia potente la tua macchina, e la nostra lo è, una barchetta da corsa degli anni '50 può ancora essere in grado di sverniciarti anche con qualche paio di centinaia di cavalli in meno... Sui mille tornanti del passo della Futa e della Raticosa ci gustiamo l'equilibrio della nuova SL 500, il suo sterzo diretto, la facilità con la quale si inserisce in curva e il ritmo elevato che si riesce a mantenere, ma anche la possibilità di conversare anche a velocità da autostrada che ci offre la perfetta aerodinamica. Bologna è la porta di ingresso nella "terra dei motori". Infatti al primo semaforo un ragazzo chiede: "Mi fai sentire il rumore?". Noi sgasiamo, lui fa una faccia un po' così, si aspettava più casino. In effetti la nostra SL 500 è una sportiva di razza, ma non va mai sopra le righe e poi per i più "sfacciati" c'è la 63 AMG. Bologna è in festa, come Modena, Reggio Emilia e Parma, e mentre l'Emilia applaude il passaggio della "corsa più bella del mondo", come la chiamava uno che è nato qui, ancora non immagina che dovrà svegliarsi di soprassalto alle quattro del mattino per colpa di quel vigliacco di terremoto... Dopo Cremona c'è Brescia, che si è messa il vestito della festa in onore della sua amata corsa. E nella notte della "Leonessa" c'è il sudore, la fatica e il tintinnio dei calici di chi ha portato a termine l'impresa. E anche noi, che però abbiamo avuto un viaggio ben più comodo degli altri, brindiamo ai 60 anni della SL.

Scheda Versione

Mercedes-Benz SL
Nome
SL
Anno
2012 - F.C.
Tipo
Premium
Segmento
sportive
Carrozzeria
Spider
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Eventi , Mercedes-Benz , auto storiche , mille miglia


Listino Mercedes-Benz Classe SL

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
SL 350 BlueEFFICIENCY SL BlueEFFICIENCY posteriore benzina 306 3.5 2 € 100.690

LISTINO

400 BlueEFFICIENCY posteriore benzina 333 3.0 2 € 103.930

LISTINO

500 BlueEFFICIENCY posteriore benzina 435 4.7 2 € 121.290

LISTINO

 

Top