dalla Home

Home » Argomenti » Multe e Ricorsi

pubblicato il 17 maggio 2012

Pedoni: divieto di Sms in una cittadina americana

Una multa di 85 dollari punta a limitare gli incidenti stradali dovuti alla distrazione

Pedoni: divieto di Sms in una cittadina americana

Multe per i pedoni che attraversano la strada inviando messaggi col cellulare: per ora, negli Stati Uniti, è solo una cittadina del New Jersey (Fort Lee, 35.000 abitanti) ad averla introdotta. Sanzione di 85 dollari, ossia 66 euro, per chi impegna l'incrocio (anche col semaforo verde o sulle strisce) mentre legge o invia Sms, come riporta l'huffingtonpost. Ma chissà che l'idea non piaccia e si diffonda nel resto degli States. A Fort Lee, la stretta della Polizia contro i "pedoni pericolosi" è arrivata dopo che, nel 2012, sono già morti tre pedoni (oltre ai 74 incidenti del 2011 che hanno coinvolto chi andava a piedi), che camminavano in strada, distratti dal proprio telefono. "I pedoni non guardano dove vanno ed è pericolosissimo", afferma Thomas Ripoli, capo della polizia di Fort Lee. Ovviamente, ci sarà pure stata l'imprudenza del guidatore del veicolo a motore, ma l'amministrazione della cittadina Usa è partita dal presupposto che forse, se il pedone fosse stato più attento, avrebbe potuto accelerare il passo o fermarsi.

MULTE RECORD
Così, dopo che la novità è stata pubblicizzata per non cogliere di sorpresa i pedoni, da fine marzo 2012 le regole sono diventate effettive: risultato, addirittura 117 multe ai pedoni distratti. Secondo una ricerca condotta da due professori della Stony Brook University di New York, chi passeggia inviando messaggi ha il 60% di possibilità in più essere coinvolto in un incidente. Nel mirino, sono finiti anche gli iPod, gli smartphone, più qualsiasi altro strumento elettronico che consenta di comunicare o leggere news.

E NELLO STATO DI NEW YORK...
Negli States, non scherzano in materia di incidenti stradali: così, Carl Kruger, senatore dello Stato di New York, ha immediatamente tentato di introdurre anche dalle sue parti il divieto di attraversare la strada leggendo gli Sms o distraendosi con lo smartphone o l'iPod. Ma per ora il progetto non è andato in porto.

LE REGOLE
Chiaramente, neppure il guidatore può consultare il cellulare o lo smartphone mentre guida, né per gli Sms né per la rubrica o per le e-mail. Allo stesso modo, non può guidare tenendo il telefonino in mano, divieto che vale pure per chi va in bici: in macchina, sono consentiti solo vivavoce o auricolare. Ricordandosi comunque che usare un qualsiasi dispositivo elettronico (radio, navigatore, sistemi audio portatili) aumenta di quattro volte il rischio di causare incidenti riducendo del 50% i tempi di reazione.

UNA CROCIATA ANCHE PER LE AUTO
Negli Usa, proprio di recente, il National Transportation Safety Board (Ntsb), agenzia governativa statunitense che si occupa delle indagini sugli incidenti nel settore dei trasporti, ha lanciato l'allarme: l'America deve mettere al bando l'uso di cellulari e smartphone durante la guida, salvo nei casi di reale emergenza. Una raccomandazione, ma da un ente che ha da sempre una certa influenza tra i parlamentari del Congresso statunitense. La raccomandazione arriva dopo la crescita del fenomeno dei guidatori distratti dal cellulare. Inoltre, la stessa Ntsb ha avviato un'indagine sul tamponamento a catena avvenuto in Missouri nel 2010, che costò la vita a due persone, provocando il ferimento di altre 38, tutti studenti liceali: risultò che il sinistro fu causato da un 19enne automobilista, il quale ricevette e inviò un numero pazzesco di Sms, ben 11 negli 11 minuti prima dello scontro del suo pick-up con uno scuolabus.

PESSIMA ABITUDINE
Quella di chiacchierare col cellulare in mano, o inviare Sms, è una pessima abitudine diffusa anche in Italia: si veda qui i bambini di cosa accusano i genitori al volante. Solo per fare un esempio, sono state 56 le violazioni all'articolo 173 del Codice della strada (uso del telefono alla guida), contestate nel corso della campagna mirata effettuata dalla Polizia municipale di Modena dal 10 aprile e per quindici giorni, con 81 pattuglie che hanno controllato 449 autoveicoli. Da noi la sanzione è di 152 euro e la perdita di cinque punti sulla patente.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , sicurezza stradale , dall'estero , multe , usa


Top