dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 17 maggio 2012

Un italiano su dieci ha vandalizzato un'auto

Uno studio rivela che al gesto incivile sono più propense le donne. E non sempre si tratta di "ragazzate"

Un italiano su dieci ha vandalizzato un'auto

La "rigata" sulla fiancata? Un gesto da imbecilli che farebbero meglio a pensare bene alle conseguenze del loro gesto. Eppure, e siccome la mamma dei cretini è sempre in stato interessante, gli atti vandalici sono in crescita. Del 22% per la precisione, spiega la compagnia di assicurazione online Direct Line, che ha effettuato uno studio su questo fenomeno del quale sembra non si rendano colpevoli solo i più giovani come si potrebbe pensare.

PIU' CIVILI CHE INCIVILI
Per fortuna sembra prevalgano le persone civili, perché l'86% del campione assicura di non aver mai danneggiato volontariamente un'altra auto. La ricerca svela che però che più di un italiano su 10 (il 14% del campione intervistato) confessa di aver compiuto atti vandalici su un'altra auto. C'è chi ha danneggiato una vettura rigando la carrozzeria (7%), chi ha colpito uno specchietto retrovisore (3%) e chi ha rotto i tergicristalli (2%). Altri bersagli meno gettonati sono i vetri e le gomme dell'auto (entrambi con l'1%).

IDENTIKIT DEL VANDALO
Lo studio Direct Line dice anche che le donne riconoscono nell'8% dei casi di aver rigato almeno una volta la carrozzeria di un'auto, mentre il 4% degli uomini ammette di aver danneggiato uno degli specchietti. Se si sposta l'attenzione sull'età degli intervistati a sorpresa emerge che il 5% degli under 25 confessa di aver provocato danni ad una carrozzeria, percentuale che sale a 10% tra i 25-35enni, a sottolineare che l'atto vandalico non sempre viene compiuto in giovane età o per istinto di ribellione.

LA MAPPA DEL VANDALISMO
L'analisi della compagnia di assicurazioni Direct Line offre anche uno spaccato regionale, da cui emerge che i cagliaritani (8%) e i romani (6%) detengono il primato tra quelli che hanno rigato almeno una volta la carrozzeria, palermitani (10%) e bolognesi (7%) il primato per danneggiamento degli specchietti, mentre torinesi (3%) e fiorentini (2%) il triste primato del taglio delle gomme. Non si sono salvati bresciani (4%) e veronesi (4%) che preferiscono accanirsi più di altri su vetri e tergicristalli.

Autore:

Tag: Curiosità , sicurezza stradale , statistiche


Top