dalla Home

Home » Argomenti » Patente

pubblicato il 4 maggio 2012

La Patente B passa per l’autostrada

Per ottenere la licenza che abilita a guidare le auto occorre anche esercitarsi fuori città e di notte

La Patente B passa per l’autostrada

Volete prendere la patente B per le auto? Per chi si iscrive in autoscuola dopo il 2 maggio 2012, ci sono importanti novità: ottenuto il Foglio Rosa, per sostenere l'esame pratico è necessario effettuare, in un'autoscuola, almeno sei ore di esercitazioni di guida in autostrade, strade extraurbane e in condizioni di visione notturna. Ovviamente, con istruttore abilitato e autorizzato. Lo prevede il Decreto ministeriale 20 aprile 2012, pubblicato in Gazzetta ufficiale 95 del 23 aprile 2012, che attua l'articolo 122, comma 5-bis del Codice della strada. L'obiettivo è migliorare la sicurezza stradale, obbligando i candidati a prepararsi meglio.

OCCHIO A NON CONFONDERSI
La regola non riguarda chi era iscritto in autoscuola già prima del 2 maggio 2012, ma solo chi, dopo quella data, ha fatto richiesta per il Foglio Rosa, cioè ha avanzato richiesta per il conseguimento della patente B.

DUE ORE AL GIORNO
Le lezioni di guida sono individuali e ognuna non può durare più di due ore al giorno. Per ogni lezione, va compilato un foglio di un apposito libretto, in originale e copia, firmato dall'istruttore e dall'allievo maggiorenne. Finite le esercitazioni, l'autoscuola rilascia all'allievo un attestato di frequenza che deve essere presentato, insieme agli originali del libretto, per prenotare la prova pratica di guida.

PIÙ PIANO DEGLI ALTRI
Durante le esercitazioni, il limite del maggiorenne col Foglio Rosa scende a 100 km/h in autostrada e a 90 km/h sulle extraurbane principali (anziché, rispettivamente, i normali 130 e 110). Esattamente come per i neopatentati, coloro che hanno conseguito la licenza da meno di tre anni. E se l'autostrada ha tre o più corsie, si possono percorrere solo le due più vicine al bordo destro della carreggiata. Durante le esercitazioni in autostrada, sulle extraurbane principali o in condizioni di visione notturna, se non si guida una macchina di un'autoscuola, a bordo può esserci solo l'accompagnatore.

CHI STA ACCANTO
Giova ricordarlo: chi siede al fianco di un conducente di 18 anni (o più) in possesso di autorizzazione per esercitarsi alla guida (Foglio Rosa) non può superare i 65 anni d'età (solo per gli istruttori professionali non c'è limite d'età). L'accompagnatore deve essere in possesso da almeno 10 anni di patente di categoria almeno corrispondente a quella che intende conseguire l'aspirante conducente (se la categoria è superiore, non occorre che sia patentato da almeno 10 anni). Altrimenti, scatta una multa di 398 euro, più il fermo del veicolo per tre mesi.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada , patente a punti , neopatentati


Top