dalla Home

Curiosità

pubblicato il 20 aprile 2012

All'asta l'unica moto Ferrari

Quotata oltre 100.000 euro la Ferrari 900 David Kay Engineering del 1995

All'asta l'unica moto Ferrari
Galleria fotografica - L'unica moto Ferrari, la 900 cc "David Kay Engineering"Galleria fotografica - L'unica moto Ferrari, la 900 cc "David Kay Engineering"
  • L\'unica moto Ferrari, la 900 cc \
  • L\'unica moto Ferrari, la 900 cc \
  • L\'unica moto Ferrari, la 900 cc \
  • L\'unica moto Ferrari, la 900 cc \
  • L\'unica moto Ferrari, la 900 cc \
  • L\'unica moto Ferrari, la 900 cc \

Ora che Ducati è passata nelle mani di Audi, assume un sapore particolare la notizia della vendita all'asta di quella che è considerata come "l'unica moto Ferrari"... ma qual è la storia della moto Ferrari 900 cc, che porta la firma "David Kay Engineering", e che viene proposta tra gli oggetti più rari dalla casa d'aste Bonhams?

L'UNICA MOTO CON IL CAVALLINO "AUTORIZZATO"
La storia della Ferrari 900, con telaio e motore siglati "SF-01M", comincia nel 1990, quando David Kay scrive a Enzo Ferrari richiedendo il permesso di applicare ad un esemplare unico di moto sportiva, ancora da realizzare, il simbolo del Cavallino rampante. Come è possibile immaginare, le richieste di questo tipo sono state negli anni più di una, ma solo in questo caso, con una lettera autografa del 23 maggio del 1990, Piero Ferrari diede la sua approvazione ufficiale. David Kay, noto come l'autore delle MV Augusta più celebri, partì dal foglio bianco, pensando a quale tipo di moto avrebbe potuto costruire Enzo Ferrari, se fosse stato ancora in vita. Facendo dunque riferimento alla moto a due tempi Scott con cui Enzo iniziò la propria attività di corridore, partì il progetto della inedita moto, che ha richiesto più di 4 anni e oltre 3.000 ore di lavoro artigianale.

UN QUATTRO CILINDRI DA 105 CV
Il motore scelto è un 4 cilindri di 900 cc di cilindrata a 16 valvole, realizzato in magnesio e alluminio, e accoppiato ad un cambio a 5 marce; il motore è disposto trasversalmente su un telaio con tubi Reynolds 531, come da tradizione italiana, con forcelle upside down fornite da Forcelle Italia, freni Brembo e cerchi Astralite da 17". Pur non essendo mai sata sfruttata al massimo delle sue potenzialità, la moto "Ferrari" potrebbe raggiungere i 265 km/h, considerando che il motore 900 cc sviluppa 105 CV a 8.800 giri/min, con un peso a secco di 172 kg. La moto fu terminata nel 2005, e secondo David Kay, sentire il suono degli scarichi della Ferrari 900 equivale ad ascoltare "Messerschmitt che caccia uno Spitfire". Chissà ora se il suono della moto sarà a disposizione di un privato, o, come suggerisce la stessa casa d'aste svizzera, di un museo o una collezione aperta al pubblico: il prezzo stimato di questo esemplare unico è comunque di circa 90.000 - 120.000 euro, una stima al ribasso rispetto a quella indicata fino a qualche anno fa nelle riviste specializzate.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , Ferrari , auto italiane


Top