dalla Home

Mercato

pubblicato il 12 aprile 2012

Maserati, tra Modena e Grugliasco

Resi noti i piani di produzione fino al 2014

Maserati, tra Modena e Grugliasco

Il prossimo futuro del marchio Maserati si è schiarito oggi, quando a Modena sono stati presentati alle istituzioni e alle organizzazioni sindacali le decisioni prese per l'assetto organizzativo e quello industriale dei prossimi anni. Come noto entro il 2014 la gamma sarà raddoppiata con una "super" Quattroporte ed è stato concesso l'ok alle Maserati di Grugliasco dopo un lungo tira e molla con il governo che si è disputato durante l'annuncio della produzione di un SUV Maserati negli Stati Uniti. Adesso, in base alle comunicazioni ufficiali, è certo che con gli impianti attualmente disponibili non sarà possibile svolgere tutte le attività previste e per questo allo stabilimento di Modena e a quello di Grugliasco sono stati affidati progetti differenti con l'obiettivo di toccare nel 2015 le 50 mila unità all'anno.

Nella sede di Modena, che per la sua collocazione all'interno della città non può aumentare la propria capacità produttiva, verranno svolte le attività relative alla progettazione e alla commercializzazione dell'intera gamma prodotto nonché la produzione delle vetture GranTurismo e GranCabrio, alle quali si aggiungerà, a partire dal maggio 2013, un nuovo modello Alfa Romeo con volumi stimati a regime fino a un massimo di 2500 unità all'anno. Nelle Officine Automobilistiche Grugliasco (ex Bertone), sito acquisito dalla Fiat poco più di due anni fa, sono in corso investimenti che raggiungeranno a fine piano i 500 milioni di euro e serviranno a produrre le nuove berline del Tridente. Per quanto riguarda gli eventuali impatti sull'occupazione, l'azienda, anche in questo periodo di crisi, ha confermato la scelta di gestire le dissaturazioni produttive e i processi di razionalizzazione esclusivamente con l'utilizzo della Cassa Integrazione Guadagni. Saranno comunque anche colte, come in altre occasioni, tutte le opportunità derivanti dalla possibilità di utilizzo di lavoratori della Maserati in altre sedi del Gruppo.

Autore:

Tag: Mercato , Maserati , produzione


Top