dalla Home

Attualità

pubblicato il 10 aprile 2012

USA, solo 1 su 3 ricompra un'ibrida

I modelli in vendita sono aumentati, ma la quota di mercato è scesa

USA, solo 1 su 3 ricompra un'ibrida

Avere in gamma almeno un modello di auto ibrida è senza dubbio un vantaggio per un costruttore, ma non è una garanzia di vendita. Neanche adesso che la benzina costa cifre esorbitanti e che la coscienza "green" si sta diffondendo. Lo dimostra una ricerca condotta negli Stati Uniti, paese che molto spesso anticipa le tendenze di mercato e lifestyle anche in Italia. Dal 2007 ad oggi il numero di auto ibride in commercio negli USA è salito del 37%, ma la quota di mercato è scesa (dal 2,9% del 2008 al 2,4%) e un automobilista su tre quando cambia auto non ricompra un'ibrida.

FEDELI AL MARCHIO, MA NON ALL'IBRIDO
Fatta eccezione per la Toyota Prius, che continua a mantenere grandi volumi di vendita, la fedeltà alle auto ibride registra un calo del 25%. Tuttavia gli automobilisti americani dimostrano una grande attaccamento al marchio acquistato e, sebbene non ricomprino un'auto ibrida, quando è il momento di cambiare macchina ne scelgono una della stessa marca. Più in dettaglio nel 2011 il 60% dei possessori di una Toyota ibrida hanno ricomprato un'altra Toyota con diversa motorizzazione, mentre il 41% ha comprato un'ibrida di un altro brand. Nel caso dei modelli Honda più del 52% dei proprietari è rimasto fedele al marchio, mentre poco meno del 20% ha acquistato un'ibrida di un'altra casa.

AUTOMOBILISTI SEMPRE PIU' INFORMATI GRAZIE AD INTERNET
Queste scelte secondo Polk (società autrice dello studio) sarebbero da attribuire al desiderio degli automobilisti di cercare sempre alternative, di sperimentare soluzioni diverse per aggirare il problema del caro benzina e non spendere una cifra iniziale piuttosto consistente come richiesto nel caso di vetture ibride. Incrociando i dati di Polk con quelli di Edmunds.com si evince che sempre più automobilisti, probabilmente a causa della stretta economica, si stanno elevando ad "esperti" dell'auto. Cercano modelli, li confrontano e li analizzano in base alla convenienza economica e ai consumi. Tutto tramite Internet, grazie a servizi, quali ad esempio il listino, che in Italia è offerto da OmniAuto.it. E' così che anche il diesel negli Stati Uniti si sta facendo strada.

Autore:

Tag: Attualità , auto elettrica , auto ibride , dall'estero


Top