dalla Home

Attualità

pubblicato il 22 marzo 2012

Mirafiori: cassa integrazione prima del rilancio

E' accordo con i sindacati. Vi nasceranno i "piccoli SUV" Fiat e Jeep

Mirafiori: cassa integrazione prima del rilancio

Dopo le smentite dei giorni scorsi su una possibile chiusura di Mirafiori, Fiat si avvia a rilanciare lo stabilimento piemontese. Il primo passo è l'intesa raggiunta con le organizzazioni sindacali Fim, Uilm, Fismic e Ugl Metalmeccanici di Torino, l'Associazione Quadri e Capi sulla cassa straordinaria per ristrutturazione che interesserà 5.315 lavoratori. Dal 2 aprile 2012 al 30 settembre 2013 lavoreranno a singhiozzo, da un minimo di 3 giorni e un massimo di 10 giorni al mese. In questo periodo verrà ristrutturato l'impianto, si apprende da fonti sindacali, per un investimento di 1 miliardo di euro. Nelle prossime ore è prevista la ratifica da parte della Regione Piemonte e un incontro separato con la Fiom.

NEL FRATTEMPO MITO, MUSA E IDEA
A partire dalla prima metà di quest'anno partiranno i lavori per l'ammodernamento di Mirafiori. Previste le ristrutturazioni dei reparti di lastratura, verniciatura, montaggio e logistica e un aggiornamento dei processi produttivi, per i quali gli addetti in cig verranno formati. A Mirafiori proseguirà comunque l'assemblaggio dell'Alfa Romeo MiTo e degli ultimi esemplari di Fiat Idea e Lancia Musa "secondo le richieste del mercato", in attesa che il testimone nel segmento delle MPV compatte passi definitivamente alla 500L costruita però in Serbia.

IN ATTESA DELLA PICCOLA JEEP E DEL SUV FIAT
La "nuova" Mirafiori produrrà, secondo quanto anticipato dalla Fiat, due nuovi modelli. Probabilmente saranno due SUV compatti, alla maniera di Nissan Juke e Opel Mokka. Una di queste avrà il brand Fiat e verrà prodotta a partire dalla fine del 2013, mentre a partire dal secondo trimestre 2014 arriverà una piccola Jeep, prima vettura del marchio americano ad essere realizzata in Italia. L'obiettivo è sfornare a regime 280.000 vetture all'anno.

Autore:

Tag: Attualità , auto americane , auto italiane , produzione


Top