dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 6 marzo 2012

Dunlop Sport Maxx RT e Sport Maxx Race

Sul circuito Ascari con 18.500 CV per scoprire il grip delle nuove gomme RT e Race

Dunlop Sport Maxx RT e Sport Maxx Race
Galleria fotografica - Dunlop Sport Maxx RT 2012 - Ascari Circuit - TESTGalleria fotografica - Dunlop Sport Maxx RT 2012 - Ascari Circuit - TEST
  • Dunlop Sport Maxx RT 2012 - Ascari Circuit - TEST - anteprima 1
  • Dunlop Sport Maxx RT 2012 - Ascari Circuit - TEST - anteprima 2
  • Dunlop Sport Maxx RT 2012 - Ascari Circuit - TEST - anteprima 3
  • Dunlop Sport Maxx RT 2012 - Ascari Circuit - TEST - anteprima 4
  • Dunlop Sport Maxx RT 2012 - Ascari Circuit - TEST - anteprima 5
  • Dunlop Sport Maxx RT 2012 - Ascari Circuit - TEST - anteprima 6

In casa Dunlop non hanno badato a spese nel comunicare al mondo l'arrivo dei loro nuovi pneumatici high performance, progettati per garantire grip agli appassionati della guida sportiva ma anche a chi, con la propria auto, vuole godersi il "gusto del limite" in tutta sicurezza, ovviamente in pista. E' infatti su di un magnifico circuito privato, l'Ascari Resort (non lontano dalla città di Ronda, nel sud della Spagna), che Dunlop ha voluto svelare i suoi due nuovi modelli: lo Sport Maxx RT (Racing Technology), creato per l'utilizzo stradale ma con caratteristiche molto sportiveggianti, e lo Sport Maxx Race, in pratica una gomma da pista omologata anche per l'utilizzo su strada.

18.500 CV SCHIERATI AD ASCARI
Ovviamente, i veri protagonisti del lancio sono stati solo ed esclusivamente gli pneumatici Sport Maxx, ma per comprendere al meglio il loro comportamento, i loro limiti e le loro specifiche, Dunlop ha programmato alcune settimane di workshop e prove in pista, utilizzando una quantità spropositata di cavalli di razza per dar modo i tester di saggiare a fondo le caratteristiche delle gomme RT e Race. Circa 18.500 i cavalli che le nuove gomme Dunlop hanno dovuto scaricare a terra, distribuiti tra otto Audi S4 3.0 TFSI S-tronic quattro, una decina di Audi TT-S, trentacinque BMW Z4 2.8i e sette Audi R8 V10 5,2 litri, quest'ultime equipaggiate con i più performanti Sport Maxx Race.

DAL MOTORSPORT ALLA STRADA
Non è un segreto che molte delle soluzioni ingegneristiche utilizzate nelle massime serie di automobilismo e motociclismo trovino poi una collocazione anche nella produzione in serie di auto o di moto. Naturalmente, anche nel campo degli pneumatici questa pratica non fa eccezione, anzi: sempre più spesso infatti le tecnologie studiate per l'utilizzo agonostico in pista vengono poi riproposte e adattate per la produzione di serie, con ovvi vantaggi in fatto di sicurezza e performance. A testimonianza del grande impegno dimostrato da Dunlop in anni di ricerche, gare e vittorie sui circuiti di gara di tutto il mondo, a farci compagnia ad Ascari ci siamo potuti confrontare col giovane pilota sudamericano Augusto Farfus il quale, oltre ad averci parlato della sua esperienza nel WTCC e della sua prossima avventura nel DTM con BMW, ha dichiarato che "Gran parte dei piloti ammettono che i pneumatici sono fondamentali per vincere le gare. Quei quattro punti rappresentano l'unico contatto con la strada, e anche con il miglior motore del mondo e la vettura più aerodinamica, senza i pneumatici non andrai lontano".

SPORT MAXX RT
Anche se non si chiama "Race" la carta d'identità dello Sport Maxx RT parla chiaro per quel che concerne le sue origini pistaiole unite alle sue ambizioni stradali. Grazie alla mescola derivata dalle corse ed a tecnologie specifiche come i suoi ampi blocchi di gomma rinforzati posizionati centralmente e lateramente sulla spalla, in grado di aumentare l'area di contatto in curva, l'RT intende primeggiare anche sul bagnato dove le sue scanalaturi favoriscono il drenaggio per una maggior resa in condizioni di aquaplaning. Ma se per "prestazione" intendiamo anche durata e scorrevolezza, RT promette anche di contribuire ad un minor consumo di carburante grazie ad uno studio specifico sulla distribuzione dei materiali, che permette di ridurre la generazione di calore e offrire aerodinamicità nei fianchi.

SPORT MAXX RACE
Se è vero che la cultura del "corri in pista e non in strada" sta portando lentamente i frutti da tempo ricercati, è altrettanto vero che dalla pista alla strada in molti ci vogliono andare e tornare con la propria vettura e per farlo serve la gomma giusta. Lo sa bene anche Dunlop che si rivolge in particolare agli appassionati di track-day con uno pneumatico il quale, anche se molto simile alla RT, innalza ulteriormente l'asticella del limite di aderenza, a tutto vantaggio del divertimento puro. Magari penalizzando in minima parte la durata chilometrica, i tecnici Dunlop si sono concentrati totalmente sulla performance creando una gomma che offre una combinazione di polimeri da competizione e un plastificante per migliorare la trazione, ottenendo così una migliore adattabilità della mescola alla superficie stradale. Sul bagnato invece il Race si mantiene simile all'RT, grazie alle scanalature circolari interne che consentono di espellere meglio l'acqua. Diversamente dal cugino più stradale però, questo modello Race offre una struttura asimmetrica delle scanalature su un blocco della spalla esterno particolarmente ampio, mentre lo strato superficiale ibrido con aramide - una fibra sintetica ad elevata resistenza e resistente al calore - promette un maggiore grip alle alte velocità.

RT, PRIMO CONTATTO: BUONA MESCOLA NON MENTE
Diciamo subito che forse un difetto eclatante l'abbiamo trovato a questa gomma: la sigla "RT" è fuorviante. Sì perchè leggendola non ci si aspetta tutto quel grip che in realtà questa copertura offre e le prove sul circuito di Ascari hanno confermato che la parentela con le gomme da gara si sente, e funziona a dovere. Se infatti nella breve presa di contatto su strada alla guida della Z4 2.8i non siamo riusciti a mettere in luce le caratteristiche della gomma, complice anche l'assetto di questa BMW a nostro avviso non proprio azzeccato, su pista il discorso è stato ben differente. Le Audi S4 prima e le TT-S poi ci hanno consentito di mettere alla frusta per alcune prove dinamiche medio veloci (S4) e di handling (TT-S) le caratteristiche dell'RT che ha decisamente mantenuto le aspettative. Preciso in inserimento, anche se non fulmineo, questo RT predilige una guida decisa a causa della sua struttura race-oriented, in particolare con auto sportive di medie dimensioni. Passando invece sulla S4, la massa più importante e l'assetto meno legnoso favorivano un maggior trasferimento di carico concedendo alla spalla degli RT di "lavorare" con maggior decisione, rendendo meno necessario l'intervento dello sterzo. Rassicurante in ogni situazione di frenata grazie ai rinforzi in gomma centrali e laterali, lo Sport Maxx RT si è dimostrato sulla carta superiore nelle comparative TUV, con spazi di frenata sempre inferiori alla concorrenza, mentre con la nostra breve prova ci limitiamo a confermarne l'ottimo rendimento in decelerazione, in attesa di effettuare prove strumentali specifiche, magari in compagni dei concorrenti più diretti.

Galleria fotografica - Dunlop Sport Maxx Race 2012 - Ascari Circuit - TESTGalleria fotografica - Dunlop Sport Maxx Race 2012 - Ascari Circuit - TEST
  • Dunlop Sport Maxx Race - Ascari Circuit - TEST - anteprima 1
  • Dunlop Sport Maxx Race - Ascari Circuit - TEST - anteprima 2
  • Dunlop Sport Maxx Race - Ascari Circuit - TEST - anteprima 3
  • Dunlop Sport Maxx Race - Ascari Circuit - TEST - anteprima 4
  • Dunlop Sport Maxx Race - Ascari Circuit - TEST - anteprima 5
  • Dunlop Sport Maxx Race - Ascari Circuit - TEST - anteprima 6

Dunlop Sport Maxx RT e Sport Maxx Race - PRESS LUNCH

Sul circuito andaluso con 18.500 CV a disposizione per scoprire il grip delle nuove gomme RT e Race

Autore:

Tag: Tecnica , pneumatici , piloti


Top