dalla Home

Motorsport

pubblicato il 1 marzo 2012

Audi R18 e-tron quattro

I Quattro Anelli a Le Mans con l'ibrida-diesel con accumulatore a volano Williams

Audi R18 e-tron quattro
Galleria fotografica - Audi R18 e-tron quattro e R18 ultra 2012Galleria fotografica - Audi R18 e-tron quattro e R18 ultra 2012
  • Audi R18 e-tron quattro e R18 ultra 2012 - anteprima 1
  • Audi R18 e-tron quattro e R18 ultra 2012 - anteprima 2
  • Audi R18 e-tron quattro e R18 ultra 2012 - anteprima 3
  • Audi R18 e-tron quattro e R18 ultra 2012 - anteprima 4
  • Audi R18 e-tron quattro e R18 ultra 2012 - anteprima 5
  • Audi R18 e-tron quattro e R18 ultra 2012 - anteprima 6

E' una squadra a tutti gli effetti "ibrida" quella che il marchio vincente uscente Audi schiererà alla prossima 24 Ore di Le Mans e nel Mondiale Endurance 2012. E non solo nel senso della motorizzazione, perché il marchio dei Quattro Anelli schiererà quattro vetture: due con motorizzazione ibrida e altre due con motorizzazione tradizionale. La nuova LMP1 ibrida tedesca si chiama Audi R18 e-tron quattro ed è il primo prototipo a trazione ibrida-diesel e trazione integrale, tradizionale cavallo di battaglia Audi.

UN VOLANO A LE MANS
Particolarità nella particolarità della R18 e-tron quattro è la batteria, che non è chimica, bensì è un accumulatore a volano sviluppato con Williams Hybrid Power, divisione R&D specializzata in propulsioni alternative del team F1 di Grove già partner di Porsche. Il volano della engineering inglese, il cui rotore raggiunge i 45.000 giri/min, e immagazina energia cinetica in fase di frenata e fornisce al motore elettrico posizionato sull'asse anteriore una potenza massima di 150 kW. L'interazione con il motore termico V6 3,7 litri da 510 CV, che invece muove le ruote posteriori, permette di ottenere una trazione integrale "elettrica", particolarmente vantaggiosa in uscita di curva e più in generale in accelerazione.

TRADIZIONALE MA ULTRALEGGERA
Le due R18 e-tron quattro saranno affiancate dalle LMP1 con motorizzazione tradizionale, Diesel, R18 ultra. Le due vetture sono sostanzialmente identiche, tranne che per la presenza del modulo ibrido sulle e-tron quattro. Sono infatti state sviluppate in parallelo, in modo da ridurre tempi e costi. Il principio che ha guidato la progettazione delle due vetture è la ricerca della massima leggerezza, necessaria a far rientrare le R18 ibride nei limiti di peso stabiliti dall'ACO. Le R18 ultra sono un'evoluzione della vettura vincente nel 2011, ma adottano diversi affinamenti, fra cui una scatola del cambio in fibra di carbonio, una prima nel mondo delle corse endurance.

LA LINE-UP
Gli equipaggi di Audi Sport Team Joest a Le Mans saranno così composti: le due ibride saranno affidate al trio vincente nel 2011 formato da Marcel Fässler, André Lotterer e Benoit Tréluyer, che saranno affiancati dai "veterani" Dindo Capello, Tom Kristensen e Allan McNish. Le due R18 ultra sono destinate invece a Loic Duval-Timo Bernhard-Romain Dumas e Marco Bonanomi-Oliver Jarvis-Mike Rockenfeller. 

Autore:

Tag: Motorsport , Audi


Top