dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 29 febbraio 2012

Sciopero nazionale dei trasporti giovedì 1 marzo

Fermi bus, treni, navi. Possibili disagi anche ai caselli autostradali

Sciopero nazionale dei trasporti giovedì 1 marzo

Disagi in vista giovedì 1 marzo per via dello sciopero generale di tutti i trasporti indetto da Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti che protestano "per la grave condizione del settore nel Paese, aggravata dalle decisioni del Governo". Ad eccezione del trasporto aereo e della Regione Sardegna si fermeranno per 4 ore tutti i lavoratori del comparto.

TRAM, BUS, METRO
Secondo modalità locali si fermeranno bus, tram e metropolitane. A Roma dalle 8:30 alle 12:30, a Milano dalle 8:45 alle 12:45, a Napoli dalle 9 alle 13, a Bologna dalle 10 alle 14 e a Palermo dalle 9:30 alle 13:30. Alla protesta aderiscono il personale viaggiante e interno, compresi gli addetti alla verifica dei titoli di viaggio, ai parcheggi, alle biglietterie e gli ausiliari del traffico.

TRENI
Stop invece - spiegano le tre organizzazioni sindacali di categoria - alla circolazione ferroviaria dalle 14 alle 18 ed alle attività connesse di pulizia e ristorazione. Si fermeranno le ultime quattro ore della prestazione lavorativa gli addetti all'accompagnamento notte.

NAVI
Nel trasporto marittimo navi e traghetti ritarderanno di 4 ore la partenza e nelle ultime due ore di lavoro incroceranno le braccia gli addetti alle attività dei porti.

CASELLI
Si fermeranno nele ultime quattro ore di servizio anche gli autotrasportatori e tutti gli addetti delle autostrade, dell'Anas, dell'autonoleggio, del soccorso stradale, delle autoscuole, delle funivie. Possibili anche i disagi ai caselli autostradali, segnalati anche da Autostrade per l'Italia, che in una nota informa che "Saranno garantiti i servizi di assistenza e il funzionamento degli impianti per il pagamento del pedaggio".

Autore:

Tag: Attualità , trasporto pubblico , autostrade , scioperi


Top