dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 27 febbraio 2012

Con Area C Milano riscopre il bike sharing

E sotto la Madonnina è lotta alla sosta vietata sulle piste ciclabili

Con Area C Milano riscopre il bike sharing

Uno degli obiettivi dell'Area C di Milano, promuovere forme di mobilità alternative all'automobile, pare che sia stato centrato. Nonostante le basse temperature dal 16 gennaio, giorno dell'avvio della "congestion charge" meneghina, sono esplose le adesioni al servizio di bike sharing Bikemi. Nelle prime quattro settimane da quando l'Area C è attiva gli abbonamenti sono più che raddoppiati, passando dai dieci del 2011 agli attuali venti al giorno. Dal mese di gennaio i prelievi di biciclette pubbliche sono stati più di 75.000, contro i 49.000 dello stesso periodo del 2011, con un picco di 4.303 prelievi venerdì 27 gennaio, giornata di sciopero dei mezzi pubblici.

IDENTIKIT DEL CICLISTA AMBROSIANO
Quasi 6 utenti su 10 del servizio Bikemi sono uomini (59,5% degli utenti), hanno in media 40 anni appena compiuti, risiedono a Milano città e sono liberi professionisti, imprenditori o impiegati. Le donne rappresentano il 40,5% del totale, hanno in media 38 anni, sono in maggioranza "colletti bianchi" e anch'esse milanesi. L'hinterland conta il 6,3% di iscritti, mentre le altre Province lombarde con più appassionati al bike sharing ambrosiano sono Monza e Brianza (5%), Varese (4,4%) e Pavia (1,2%). E per i prossimi mesi il servizio che attualmente conta 120 stazioni sarà potenziato: da questo mese saranno installate altre dieci postazioni, tutte al di fuori di Area C: Porta Venezia, Porta Genova, Coni Zugna-Solari, Coni Zugna-Foppa, V Alpini, Canova-San Giorgio, Sempione-Melzi d'Eril, Premuda-Maestri, Tunisia-Lecco, S.S. Trinità.

STRETTA SULLA SOSTA SELVAGGIA
Parallelamente al boom della bici la giunta Pisapia ha attuato una stretta sulle multe per divieto di sosta sulle piste ciclabili: + 613,3% l'impennata nel numero dei verbali negli ultimi sei mesi. Nel periodo agosto 2011-gennaio 2012 sono state 2.682 multe alle auto in sosta sulle piste ciclabili della città. "Negli stessi mesi ma un anno prima le multe erano state soltanto 376. Altrettanto significativo il confronto su tre anni nel solo mese di gennaio: 40 sanzioni nel 2010, 64 nel 2011, 543 nel 2012", sottolinea una nota di Palazzo Marino, che ha avviato anche una campagna di promozione della sicurezza per i ciclisti, ai quali è dedicato un opuscolo che riassume alcuni accorgimenti per evitare gli incidenti più comuni e che potete scaricare qui.

Autore:

Tag: Attualità , blocco traffico , trasporto pubblico , inquinamento , milano , area c


Top