dalla Home

Home » Argomenti » Incentivi auto

pubblicato il 27 febbraio 2012

Incentivi GPL e metano: al via dal 1 marzo

Tornano gli incentivi per l'alimentazione a gas in oltre 600 comuni d'Italia

Incentivi GPL e metano: al via dal 1 marzo

L'auto a gas sembra destinata a tornare di moda: se già l'impennata dei prezzi di benzina e gasolio ha risvegliato l'interesse verso i carburanti alternativi, ora sono in arrivo anche i nuovi incentivi, che in teoria potrebbero vivacizzare di nuovo il mercato. A partire da giovedì 1 marzo 2012, infatti, riaprono nel sito www.ecogas.it le prenotazioni degli incentivi ICBI, Iniziativa Carburanti a Basso Impatto; si tratta della campagna promossa dal Ministero dell'Ambiente nota anche con il nome di "A Gas per l'Ambiente" per favorire l'uso di GPL e metano sulle auto più "datate". Frutto di un accordo di programma tra lo stesso Ministero e una Convenzione tra Comuni (oltre 600), con Parma come capofila, gli incentivi si interruppero nel 2006 per esaurimento dei fondi: è questo, secondo Federauto, il maggior rischio di questa iniziativa, che per l'esiguità delle somme proposte, non sarebbe in grado né di accontentare tutti i potenziali richiedenti, né di supportare adeguatamente il mercato dell'auto ecologica, né di offrire un aiuto programmatico per il rilancio del mercato automobilistico in Italia.

A CHI SONO DESTINATI GLI INCENTIVI
Per la trasformazione a GPL e metano di veicoli Euro 2 e Euro 3 immatricolati dopo il 1 gennaio 1997, intestati a persone fisiche o giuridiche residenti in uno dei comuni della Convenzione, i contributi ammontano a 500 euro per la trasformazione a GPL e 650 euro per quella a metano, di cui 150 a carico delle officine di installazione; il totale del fondo disponibile ammonta a 1.785.309,26 euro, per un totale di circa 4.500 trasformazioni incentivate. Per le trasformazioni a GPL e metano di veicoli commerciali leggeri (meno di 3,5 t), il fondo disponibile è di 300.000 euro, e l'importo delle agevolazioni è di 750 euro per il GPL e 1.000 euro per il metano. In questo caso, i veicoli che possono beneficiare dell'incentivo sono quelli destinati al servizio di noleggio, con o senza autista, alle attività commerciali ed artigianali, al trasporto merci urbano; occorre inoltre che il veicolo sia intestato, o sia riferito come oggetto di leasing, a persone giuridiche con sede legale o operativa in uno dei comuni aderenti alla Convenzione.

COME PRENOTARE LA TRASFORMAZIONE E OTTENERE GLI INCENTIVI
Per ottenere gli incentivi, occorre prenotare la trasformazione presso una delle officine aderenti all'iniziativa, che verificherà nel sito www.ecogas.it la disponibilità dei fondi, ottenendo un codice univoco di prenotazione; solo a quel punto, si potrà comunicare al beneficiario la data di installazione nel suo veicolo dell'impianto a gas. Nello stesso sito sono disponibili le informazioni complete sugli incentivi, compresi gli elenchi dei comuni e delle officine aderenti all'iniziativa.

FEDERAUTO: SOLDI BUTTATI AL VENTO
Fin qui le considerazioni positive, ma cominciano subito a levarsi le prime voci di protesta, a partire da Federauto, l'associazione delle concessionarie di tutti i marchi. Secondo il presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi, il provvedimento "è esattamente il contrario di quanto ha bisogno l'auto rispetto all'ecologia ossia: interventi pluriennali e strutturali che, tra l'altro, si autofinanzierebbero". In sostanza, secondo Federauto, gli importi preventivati sarebbero troppo pochi e destinati a finire in tempi brevi; in più, non darebbero un contributo ad un mercato in calo di oltre il 30% rispetto al febbraio del 2011, che invece potrebbe rilanciarsi proprio attraverso una forte incentivazione all'acquisto di auto ecologiche - che, in attesa dell'automobile totalmente elettrica, sono oggi rappresentata dalle auto a gas. "Auspico che il Governo dia invece risposte concrete a articolate rispetto al piano organico presentato dalla Federauto già il mese scorso. La situazione è drammatica e siamo stanchi di non risposte o, ancor peggio, di risposte beffa come potrebbe apparire questo incentivo che verrà esaurito in poche settimane senza lasciare traccia", conclude Pavan Bernacchi.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Attualità , gpl , metano , incentivi


Top