dalla Home

Novità

pubblicato il 25 agosto 2006

Lotus Exige 265E

Lotus Exige 265E
Galleria fotografica - Lotus Exige 265EGalleria fotografica - Lotus Exige 265E
  • Lotus Exige 265E - anteprima 1
  • Lotus Exige 265E - anteprima 2
  • Lotus Exige 265E - anteprima 3
  • Lotus Exige 265E - anteprima 4

Anche i produttori di supercar hanno un'anima ecologica. Dopo le numerose Case generaliste che si sono cimentate in questi mesi nei bio-carburanti proponendo utilitarie, berline e Station Wagon, è arrivato il turno di Sua Maestà Lotus che propone addirittura una Exige nella sua versione più potente. Si chiama Exige 265E, nome che ricorda quello della sportivissima 240R e che dice tutto: 265 sono i CV sviluppati, mentre la E indica l'alimentazione con l'ecologico bio-etanolo E85, una miscela costituita all'85% di alcool etanolo e dal restante 15% di benzina. Con un peso vuoto di soli 930 kg, e un rapporto peso/potenza di 283 CV per tonnellata, il 4 cilindri sovralimentato derivato dalla più pacifica Exige S spinge la 265E fino a 265 km/h con una accelerazione 0-100 km/h in 3.9 s e 0-160 km/h in 9.2 s. Questi numeri fanno della Exige 265E la più veloce vettura di serie alimentata a bio-etanolo.

Ma facciamo un piccolo ripasso sul bio-etanolo: si tratta di un alcool ottenibile dalla fermentazione delle biomasse, cioè di prodotti agricoli ricchi di zuccheri e carboidrati quali i cereali, la canna da zucchero, la barbabietola, la frutta, le patate e il legno. Molto interessante è il suo impatto ambientale in termini di emissioni di anidride carbonica (CO2), poiché bruciando ne emette una quantità pari a quella assorbita dalla pianta durante la sua crescita.

Lotus Engineering, la divisione di ingegneria del Group Lotus Plc che ha sviluppato in sole cinque settimane questa versione di Exige, aveva preso in considerazione vari bio-carburanti per questo progetto, quali il bio-metanolo, il bio-etanolo e il bio-butanolo. Alla fine la scelta è caduta appunto sul bio-etanolo E85 che ben si sposa con un motore sovralimentato, in virtù del suo alto numero di ottano che consente di anticipare l'accensione della miscela e della sua elevata velocità di combustione, così da incrementarne le prestazioni e l'efficienza. Non è comunque esclusa, in futuro, la possibilità di utlizzare anche bio-metanolo e bio-butanolo.

Rispetto alla Exige S, la 265E eroga 46 CV in più ad un regime di 8000 giri/min. e una coppia di 249 Nm a 5500 giri/min, superiore di 34 Nm.
Spiega così il progetto Geraint Castleton-White, capo di Lotus Engineering: "Volevamo dimostrare che una vettura sportiva ecologica può essere molto prestazionale. Il fatto che abbiamo prodotto una versione dell'Exige più potente della versione standard di serie è la dimostrazione di ciò. Ci fa piacere che questo veicolo dimostri le nostre capacità, la nostra comprensione dei veicoli flex-fuel, la nostra conoscenza delle emergenti tecnologie dei combustibili. Inoltre promuove il bio-etanolo come il carburante sia per il pilota entusiasta sia per il pilota conscio dei problemi ambientali". E Mike Kimberly, a capo del Gruppo Lotus, sottolinea la "strategia verde" della Lotus: "Lotus Engineering sta attivamente perseguendo tecnologie per migliorare l'efficienza e il rispetto ambientale dei motori del futuro. Siamo tra i leader mondiali nel settore dei motori a combustione interna e conduciamo ricerche in tutte le aree di combustibili alternativi e convenzionali per ottenere maggiore efficienza, potenza, prestazioni e ridurre le emissioni. Sono grandi sfide per l'industria dell'auto, e queste soluzioni si adattano alla cultura e all'esperienza Lotus". E non nasconde che Lotus sta lavorando anche su veicoli elettrici e ibridi...

Torniamo al cuore della Exige 265E: la sovralimentazione è fornita da uno speciale compressore volumetrico Roots Eaton M62 che non richiede l'uso di olio, affiancato da un intercooler. La potenza massima è erogata a 8000 giri/min, ma è consentito spingersi fino a 8500 giri/min per una massimo di 2 secondi. I condotti di aspirazione sono stati resi corti e di grande diametro, evitando curve troppo strette, per migliorare la risposta all'acceleratore e l'efficienza. Il motore ha due diversi profili delle camme, uno per le alte l'altro per le basse velocità, e il passaggio da uno all'altro è automatico e dipende dalle condizioni di guida: il risultato è una salita di potenza morbida e progressiva. L'acceleratore è di tipo drive-by-wire per assicurare una rapida risposta del motore e venire incontro alle stringenti normative anti-inquinamento. Sono stati adottati 4 iniettori maggiorati posizionati nei condotti di aspirazione e ulteriori 2 iniettori posti all'ingresso del sovralimentatore, tutti gestiti dall'elettronica, al fine di incrementare la quantità di carburante iniettato agli alti regimi e di raffreddare la miscela prima della combustione, con benefici effetti sia sul riempimento dei cilindri sia sulla potenza assorbita dal compressore volumetrico. Una soluzione Lotus in cui l'etanolo fa di più che semplicemente fornire energia per la combustione!
Il cambio, preciso e veloce, dispone di sei rapporti ravvicinati.

A livello di aerodinamica, l'Exige 265E utilizza lo stesso pacchetto del resto della produzione Lotus: sottoscocca completamente piatto e di leggero alluminio, diffusore posteriore anodizzato per generare un "effetto Venturi" sotto la vettura, spoiler anteriore a soli 108 mm da terra e un alettone posteriore inclinato di 11.5° per il miglior compromesso tra carico e resistenza aerodinamica. Si ottiene così una forza verticale di 21.9 kg al posteriore e 19.3 all'anteriore a 160 km/h, con un bilanciamento che resta costante a tutte le velocità cui è capace la Exige 265E.

Il telaio è un classico Lotus: elementi di alluminio estrusi e saldati e un piccolo telaio posteriore in acciaio. Pesa solo 68 kg e ha una rigidezza torsionale di 10500 Nm per grado. Efficace e bello da vedere!

I cerchi a cinque razze sono in alluminio forgiato e calzano gomme slick maggiorate. All'interno sono ospitati dischi ventilati da 310 mm all'anteriore morsi da pinze AP Racing a 4 pistoncini e 282 mm al posteriore con pinza Brembo a singolo pistoncino. E' previsto anche l'ABS.
Per adattarsi a diversi stili di guida e condizioni stradali, la Lotus Exige 265E monta ammortizzatori Ohlins regolabili in due posizioni con possibilità di ridurre l'altezza da terra ad 130 mm a 120 mm, e una barra anti-rollio anteriore regolabile. Viste le accelerazioni laterali che può generare in curva un tale set-up, è stato previsto un serbatoio supplementare di olio motore per mantenerne costante la pressione in queste condizioni estreme.
Il doppio terminale di scarico esce dal diffusore posteriore.
L'equipaggiamento prevede, infine, l'allarme con immobiliser e il climatizzatore.

All'esterno, la Exige 265E sfoggia una livrea nera con due larghe strisce che la percorrono per tutta la lunghezza, una gialla per simboleggiare il bio-etanolo, l'altra verde per sottolinearne il rispetto ambientale. Gli stessi colori sono ripresi all'interno, distribuiti sui vari componenti.

Al momento la Lotus Exige 265E è puramente un veicolo da ricerca e la Casa inglese non intende né metterla in produzione né venderne i kit.

Scheda Versione

Lotus Exige S
Nome
Exige S
Anno
2004 (restyling del 2011)
Tipo
Premium
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Alessio Ciarnella

Tag: Novità , Lotus


Listino Lotus Exige

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
S posteriore benzina 345 3.5 2 € 68.530

LISTINO

3.5 Sport 350 Roadster posteriore benzina 350 3.5 2 € 78.230

LISTINO

S Club Racer posteriore benzina 350 3.5 2 € 78.230

LISTINO

 

Top