dalla Home

Curiosità

pubblicato il 17 febbraio 2012

Trent'anni di Volvo 760

Fu l’auto che salvò la Casa scandinava

Trent'anni di Volvo 760
Galleria fotografica - Volvo 760Galleria fotografica - Volvo 760
  • Volvo 760 - anteprima 1
  • Volvo 760 - anteprima 2
  • Volvo 760 - anteprima 3
  • Volvo 760 - anteprima 4
  • Volvo 760 - anteprima 5
  • Volvo 760 - anteprima 6

Ha compiuto trent'anni la Volvo 760, l'ammiraglia che la Casa svedese introdusse sul mercato nel 1982 e che secondo la stessa Casa svedese "ha salvato Volvo". I primi progetti risalgono al 1975, quando l'intera industria automobilistica stava attraversando un periodo particolarmente difficile per via della prima crisi petrolifera, mentre a Goteborg stavano sorgendo problemi legati alla qualità costruttiva della 240. L'azienda attraversava inoltre un periodo molto difficile a livello economico e costruire automobili nello stabilimento di Torslanda era costoso ed esportarle non conveniva più. Fu così che in Svezia decisero il tutto per tutto, investendo 3,5 miliardi di corone in un progetto che doveva sostenere la Casa scandinava fino all'inizio degli anni '90. Andò così, ma le difficoltà non furono poche.

PERCHE' E' SQUADRATA
Venne deciso che la nuova auto per ragioni di costo, avrebbe dovuto ereditare gran parte della meccanica dalla serie 200, come le trasmissioni, le sospensioni e molte altre soluzioni di sistema. Il design, tuttavia, doveva essere completamente nuovo. Il progetto, noto come P31, venne modificato più volte, perché le proposte stilistiche da prendere in considerazione erano numerose: prevalse la linea dettata dall'area finanziaria, che propendeva per superfici dritte e piatte e linee squadrate, preferibilmente con angoli a 90°, allo scopo di ridurre i costi di produzione il più possibile.  La scelta sull'architettura cadde su un design con fiancate diritte, una 'coda' troncata bruscamente e una vetratura quasi verticale rispetto alla scocca, molto differente rispetto ai tanti modelli arrotondati e dalle linee curve proposte dagli altri costruttori. Le specifiche tecniche vennero finalizzate più o meno nello stesso momento in cui venne 'congelato' il design definitivo e il lancio, inizialmente previsto per il 1980, venne posticipato al 1981. Nella primavera del 1978 fu approntato il primo prototipo guidabile e vennero rapidamente portati a termine numerosi veicoli di prova. Nel 1979, la divisione auto di AB Volvo venne trasformata in una società a sé stante - Volvo Car Corporation - con Hakan Frisinger come Amministratore Delegato.

CONTENUTI DA AUTO TOP DI GAMMA
I piani per il lancio della 760 al Salone di Francoforte 1981 dovettero essere di nuovo posticipati: la 760 fu presentata nel febbraio 1982. Rappresentava la versione di serie del prototipo VCC - acronimo di Volvo Concept Car - presentato nel 1980 ed equipaggiato con un motore turbodiesel. La 760 condivideva la piattaforma a trazione posteriore con la popolare Volvo 240, ma rispetto a quest'ultima il passo era maggiore di 10 cm e la massa inferiore di 100 kg. Al momento del lancio, la Volvo 760 fu proposta nella versione top di gamma che costava poco meno di 100.000 corone svedesi. L'auto era identificata dall'allestimento GLE ed era equipaggiata con il motore 2.8 V6 a benzina PRV sviluppato con Peugeot e Renault, mentre la dotazione di serie comprendeva il cambio automatico, il climatizzatore, il tetto apribile e il servosterzo.

LE VARIE EVOLUZIONI
Successivamente debuttarono anche le motorizzazioni 2.0 Turbo a benzina con architettura a 4 cilindri e 2.4 turbodiesel a 6 cilindri di origine Volkswagen. La Volvo 760 2.4 TD fu la prima vettura con propulsore Diesel più veloce al mondo. In seguito debuttò anche la variante Station Wagon, nonché la 740 con allestimenti meno lussuosi e motori aspirati a 4 cilindri. Volvo ha prodotto 221.309 esemplari della 760, mentre la produzione della 740 ammonta a 1.009.395 unità. Complessivamente sono state vendute 1.230.704 esemplari di queste due auto. Fu sostituita nel 1990 dalla 960 che rappresentava la naturale evoluzione della Volvo 760. Successivamente, la Volvo 960 diventò S90 al cambio di nomenclatura della Casa svedese avvenuto a metà anni '90 e la variante station wagon V90 uscì di scena solo nel 1998, ben sedici anni dopo l'introduzione della Volvo 760.

Autore: Dario Montrone

Tag: Curiosità , Volvo , anniversari


Top