dalla Home

Tecnica

pubblicato il 18 agosto 2006

Sistemi intelligenti di trazione integrale by Volkswagen

Sistemi intelligenti di trazione integrale by Volkswagen
Galleria fotografica - Passat e Passat Variant 4 MotionGalleria fotografica - Passat e Passat Variant 4 Motion
  • Passat e Passat Variant 4 Motion - anteprima 1
  • Passat e Passat Variant 4 Motion - anteprima 2
  • Passat e Passat Variant 4 Motion - anteprima 3
  • Passat e Passat Variant 4 Motion - anteprima 4
  • Passat e Passat Variant 4 Motion - anteprima 5
  • Passat e Passat Variant 4 Motion - anteprima 6

Volkswagen tiene a sottolineare come in tutto il mondo la maggior parte delle vetture sia dotata di trazione anteriore. Per un buon motivo: soprattutto con motori potenti, in condizioni di bagnato, ghiaccio e neve, l'anteriore è superiore alla posteriore dal punto di vista della trazione vera e propria, anche in tempi di ASR ed ESP. Tutti sanno che tirare è meglio che spingere.

La cosa funziona ancora meglio quando si tira e si spinge al tempo stesso, cioè con la trazione integrale. A seconda della classe dei modelli, Volkswagen punta su sistemi 4MOTION differenti. Grazie a uno sfruttamento mirato e ottimale dell'accoppiamento di forza degli pneumatici, i moderni sistemi di trazione integrale supportano la sicurezza e la dinamica di guida anche nelle zone limite. E pure qui l'elettronica nasconde ancora un potenziale di ottimizzazione. Mediante una trazione integrale intelligente, in futuro, le forze motrici verranno ripartite tra le singole ruote in modo ancora più mirato. La trazione integrale viene con ciò integrata in modo più intensivo e intelligente nei sistemi per la regolazione della dinamica di guida. L'influsso della ripartizione della coppia motrice può quindi essere impostato mediante software dalla Casa produttrice del veicolo in modo specifico per il Marchio.

La trazione integrale intelligente, presentata per la prima volta nel circuito di prova di Ehra-Lessien, è dotata di un differenziale attivo su entrambi gli assi, per poter gestire le forze motrici in modo asimmetrico rispetto al differenziale convenzionale, in funzione di fattori come angolo di sterzata, accelerazione trasversale o velocità d'imbardata. Il veicolo presentato viene sollecitato dalla ripartizione della forza motrice con una coppia d'imbardata supplementare e quindi dimostra, soprattutto in curva, un comportamento nettamente più agile. Inoltre è più facile stabilizzare il veicolo. Conseguenza dinamica: gli interventi regolatori dell'ESP, che "disturbano" uno stile di guida accentuatamente sportivo, possono essere ridotti in misura significativa. Ma non è tutto: grazie ai differenziali attivi una forte sottosterzata, ad esempio, può essere trasformata in modo mirato e senza roblemi in una sovrasterzata facilmente controllabile.

Autore: Redazione

Tag: Tecnica , Volkswagen


Top