dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 10 febbraio 2012

Catene a bordo, pneumatici invernali: l'Anas chiede collaborazione

La sicurezza dipende anche da chi guida

Catene a bordo, pneumatici invernali: l'Anas chiede collaborazione

Catene da neve, pneumatici invernali. Sono parole così ripetute in questi giorni che quasi non ci si fa più caso. Ma sulla loro fondamentale importanza, al di là degli obblighi di legge e dei piani eccezionali come quello adottato oggi da Roma, si sofferma l'Amministratore unico di Anas, Pietro Ciucci. Le catene "devono essere obbligatoriamente a bordo di ogni veicolo in caso di emergenza", ha detto a Sky Tg24, sottolineando che "deve essere come per l'assicurazione auto; si spera di non fare mai incidenti, ma l'assicurazione per la responsabilità civile è obbligatoria". L'Amministratore unico di Anas ha quindi spiegato che il piano anti-neve per il week end è pronto, ma serve la "collaborazione degli utenti, soprattutto per quanto riguarda le catene a bordo".

E' un fatto di sicurezza. L'Anas ha impegnato per la gestione dell'emergenza neve "tremila uomini e 2.500 mezzi. Si può sempre fare di più - ha detto Ciucci -, ma abbiamo messo tanto impegno e ringrazio chi ha lavorato 24 ore per cercare di contenere i disagi" in occasione dell'eccezionale ondata di maltempo che si è abbattuta sul Paese negli ultimi giorni. "Il piano neve non lo facciamo secondo l'ultimo bollettino della Protezione Civile - ha spiegato -, ma lo prepariamo a ottobre-novembre d'intesa con le prefetture. Bisogna comunque considerare che in questo periodo le precipitazioni sono state straordinarie". E' quindi stato lanciato un appello agli automobilisti che percorreranno il GRA di Roma: "Non occupate la corsia di emergenza perché, come è successo venerdì, i nostri mezzi non riescono a passare".

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale , pneumatici , pneumatici invernali , catene da neve


Top