dalla Home

Home » Argomenti » Intermodalità

pubblicato il 8 febbraio 2012

Opel "RAD e", anche il Fulmine si dà alle due ruote

Dopo un secolo e mezzo la Casa tedesca torna alle bici. Debutto a Ginevra

Opel "RAD e", anche il Fulmine si dà alle due ruote
Galleria fotografica - Opel Rad. Anche il fulmine si da alle due ruoteGalleria fotografica - Opel Rad. Anche il fulmine si da alle due ruote
  • Opel Rad. Anche il fulmine si da alle due ruote - anteprima 1
  • Opel Rad. Anche il fulmine si da alle due ruote - anteprima 2
  • Opel Rad. Anche il fulmine si da alle due ruote - anteprima 3
  • Opel Rad. Anche il fulmine si da alle due ruote - anteprima 4
  • Opel Rad. Anche il fulmine si da alle due ruote - anteprima 5
  • Opel Rad. Anche il fulmine si da alle due ruote - anteprima 6

Dopo Daimler con la smart e-bike, anche General Motors prevede che la mobilità urbana del futuro passi per le due ruote: la Casa del Fulmine presenterà infatti al prossimo Salone di Ginevra (8-18 marzo) la RAD e, una bicicletta a pedalata assistita che secondo Opel è "la prima bicicletta elettrica a essere costruita secondo principi produttivi e strutturali automobilistici".

Il nome ricorda quello del prototipo RAK e presentato a Francoforte 2011, mentre per le prime immagini si dovrà attendere che la rassegna ginevrina apra i battenti. Per il momento la Casa tedesca descrive la RAD e come caratterizzata dai "tipici stilemi Opel come gli elementi a forma di boomerang che rievocano l'Ampera e la concept RAK e". La bicicletta di Opel è dotata di un motore elettrico da 250 watt che assiste il ciclista durante le fasi di pedalata ed è in grado di raggiungere un'autonomia di assistenza elettrica compresa tra 60 e 145 chilometri

Autore:

Tag: Anticipazioni , Opel , mobilità sostenibile , ginevra


Top