dalla Home

Accessori

pubblicato il 8 febbraio 2012

Pirelli P Zero Silver

L'anello di congiunzione fra il P Zero e il Cinturato P7

Pirelli P Zero Silver
Galleria fotografica - Pirelli P Zero SilverGalleria fotografica - Pirelli P Zero Silver
  • Pirelli P Zero Silver - anteprima 1
  • Pirelli P Zero Silver - anteprima 2
  • Pirelli P Zero Silver - anteprima 3
  • Pirelli P Zero Silver - anteprima 4
  • Pirelli P Zero Silver - anteprima 5
  • Pirelli P Zero Silver - anteprima 6

P Zero Silver: in F.1 questa sigla evidenzia la mescola dura fra le quattro gomme slick disponibili. Caratteristiche: massima durata, minor degrado e maggiore resistenza nelle condizioni più estreme. Insomma l'ideale per i circuiti con asfalto molto abrasivo, curvoni in appoggio con elevati carichi laterali o alte temperature ambientali. Vale a dire le condizioni più difficili per una monoposto. Era naturale, quindi, che la Pirelli lanciasse il primo pneumatico Ultra High Performance derivato proprio dalla F.1 in contemporanea con l'apertura dei test invernali a Jerez de la Frontera che danno ufficialmente il via alla stagione 2012.

I TEST
Il P Zero Silver, sviluppato per le berline sportive e coupé, è stato testato da un selezionatissimo gruppo di testate web europee sulle strade dell'Andalusia montate su Audi A5 e Mercedes CLS. La nuova gomma coniuga alle caratteristiche del P Zero una maggiore durata (fino al 20%), garantendo alte prestazioni anche dopo lunghe percorrenze. La Casa milanese inaugura la prima serie di pneumatici altamente specializzati sfruttando la modellistica e gli studi di simulazione della F.1. Il legame con il Circus, quindi, non ha solo ricadute promozionali sul marchio, perché la ricerca estrema nei Gp ha puntuali ricadute sul prodotto: struttura, mescole e disegno del battistrada del Silver sono state sviluppate per contenere la deformazione del profilo dello pneumatico, aumentandone la vita e la costanza del rendimento.

IN EUROPA IN EDIZIONE LIMITATA
Il Silver, quindi, è stato pensato per l'automobilista che cerca le prestazioni sportive, ma percorre con la propria auto oltre 25 mila km l'anno. Questo pneumatico diventa l'anello di congiunzione fra il P Zero, la gomma di primo equipaggiamento sulle auto più performanti, e il Cinturato P7, l'ecologico ad alte prestazioni che ha superato i test più severi. Sarà disponibile in edizione limitata sui mercati europei a partire da aprile in otto misure, per cerchi da 19 e 20 pollici. Pirelli si concentra con il Silver su un mercato in forte espansione, quello del segmento con codici di velocità W, Y, Z (ovvero per velocità di oltre 270km/h) e calettamento da 19 pollici. In Europa, in questo specifico ambito, si è registrato un tasso medio di crescita del 24%, perché la richiesta non si limita più alle super sportive, ma si allarga anche a berline e coupé di medie dimensioni.

DALLA FORMULA UNO...
È bastato un anno di F.1 per introdurre le metodologie di lavoro del Circus anche sui prodotti premium: con il P Zero Silver, Pirelli trasferisce a tutti gli automobilisti le principali innovazioni introdotte nello sviluppo e produzione delle gomme da Gp. Il nuovo pneumatico si avvale di un processo di calcolo e modellizzazione simile a quello di F.1: durante la simulazione, infatti, si possono prevedere in modo virtuale prestazioni e reazioni in tutte le condizioni di fondo, prima ancora che sia stata realizzata la prima copertura. La Casa della Bicocca, riproducendo in laboratorio le condizioni di impiego reale, ora è in grado di proporre in tempi da record (sei mesi, contro la media di un anno!) un nuovo pneumatico con prestazioni top che restano inalterate dopo percorrenze più lunghe. Tutto ciò è stato possibile condividendo con la F.1 nuovi materiali (resine e polimeri speciali con nano tecnologie), nuovi strumenti di produzione delle mescole e il processo di costruzione. Il Silver, infatti, si avvale dell'evoluzione della tecnologia Mirs, il sistema robotizzato che assicura la massima qualità e precisione costruttiva. L'intero ciclo produttivo avverrà nel Polo tecnologico e industriale di Settimo Torinese, dove si producono le mescole di F.1.

... ALLA STRADA DI TUTTI I GIORNI
Il legame fra i due mondi, quindi, è molto più stretto di quanto si possa pensare e va ben oltre il nome P Zero Silver che identifica sia in F.1 sia nel prodotto di serie la gomma con mescola dura che garantisce durata e alto rendimento. Lo stradale, grazie all'innovativa soluzione bi-mescola che unisce le caratteristiche della soluzione più dura all'interno con quella più morbida nell'area della spalla dove è necessario più grip, offre performance, sicurezza, e durata: una sintesi inedita che porta Pirelli all'avanguardia dell'innovazione di prodotto. Questi risultati si raggiungono con una distribuzione delle pressioni sull'impronta a terra del pneumatico che diventa più uniforme, 0 gli stress su tutto il battistrada e garantendo così un minore consumo e il massimo controllo dell'auto in ogni condizione.

GLI OBIETTIVI DI VENDITA
Pirelli ha un obiettivo ambizioso: diventare leader mondiale nel segmento Premium nel 2015. Il centro R&D Pirelli in Germania che collabora con le Case tedesche nello sviluppo del primo equipaggiamento, la disponibilità di 1.200 ricercatori a livello mondiale oltre allo stanziamento di un budget dedicato sono gli altri elementi che, insieme alla F.1, dovrebbero portare la Casa milanese al vertice di settore. Con un Paese che lotta per uscire dalla grave crisi economica, arriva un segnale di ottimismo che deve far sperare tutto il made in Italy...

Autore: Franco Nugnes

Tag: Accessori


Top