dalla Home

Novità

pubblicato il 4 agosto 2006

B9 Tribeca: la nuova ammiraglia Subaru

B9 Tribeca: la nuova ammiraglia Subaru
Galleria fotografica - Subaru B9 TribecaGalleria fotografica - Subaru B9 Tribeca
  • Subaru B9 Tribeca - anteprima 1
  • Subaru B9 Tribeca - anteprima 2
  • Subaru B9 Tribeca - anteprima 3
  • Subaru B9 Tribeca - anteprima 4
  • Subaru B9 Tribeca - anteprima 5
  • Subaru B9 Tribeca - anteprima 6

Il mercato degli Sport Utility Vehicle (SUV), si sa, è in forte crescita e molte sono le Case che hanno nel proprio listino questa tipologia di vettura, grande o piccola che sia. Tale è il successo di questa classe di veicoli, ancora qualcun altro ha deciso di tuffarsi nella mischia con un modello che si ponesse addirittura come ammiraglia della gamma. Parliamo di Subaru, un Costruttore noto soprattutto per le sue vettura sportive che hanno dominato nei rally, che presenta la B9 Tribeca, un SUV di notevoli dimensioni venduto in Nord America sin dal 2005 e che ora viene lanciato anche in Europa.

Vista da davanti è immediatamente riconoscibile come una Subaru: lo stile dell'ampia mascherina, tre elementi i cui esterni formano un motivo "ad ali spiegate", richiama il recente e rinnovato design della Casa giapponese. I fari anteriori sono posti molto in alto e sono costituiti da tre elementi distinti. Al posteriore, i fari, "incastonati" nella lamiera prominente, accolgono il lunotto dalla forma a V, sormontato da uno spoiler che prosegue il profilo del tetto. I retrovisori esterni, molto ampi e dalla linea squadrata, incorporano, come vuole la moda attuale, gli indicatori di direzione laterali. Tutte le parti inferiori del veicolo sono ricoperte da plastica nera, in modo da proteggere il fondo da detriti.
La linea è sicuramente originale e molto personale, sportiva se osservata da davanti per via del paraurti anteriore ricco di aggressive prese d'aria e da dietro per la presenza del doppio terminale di scarico, ma al contempo pulita e filante nella vista laterale, con superfici morbide e senza fronzoli. Le dimensioni sono comunque notevoli: 485 cm di lunghezza e 188 di altezza.

L'interno non è meno originale: la plancia, dall'aspetto tridimensionale e dalle linee arrotondate, è incentrata sul pannello centrale da cui si dipartono, replicando il motivo della mascherina esterna, due ali che si prolungano fino agli sportelli, dando una sensazione di continuità e dinamicità. Le plastiche utilizzate sono di due colori, scura per la parte superiore e chiara per quella inferiore, separate per tutta la loro lunghezza da una striscia ad effetto metallico, dal design sportivo, che si allarga poi sul pannello centrale ospitando ordinatamente i comandi di audio e climatizzazione. In posizione elevata e di immediata consultazione c'è un grande (7'') display multifunzione che mostra i dati del computer di bordo e le indicazioni del navigatore satellitare, dotato di funzionalità touch-screen per un più semplice utilizzo. Su questo display possono essere anche visualizzate le immagini fornite dalla telecamera posteriore (di serie per il mercato italiano) quando si procede in retromarcia, nonché una sagoma del veicolo per facilitare le manovre.

Davanti al guidatore, il cruscotto presenta due grandi strumenti tondi, con lancette elettroluminescenti ed effetto tridimensionale, per garantire una facile lettura. Un grande schermo, da ben 9'', è installato sul padiglione a beneficio degli occupanti dei posti posteriori: su esso possono essere riprodotti DVD video, CD video e musicali (ma non i DVD audio e gli MP3). L'audio può essere ascoltato o tramite gli altoparlanti di bordo o tramite apposite cuffie senza fili a raggi infrarossi. La visione di ciò che è riprodotto nel lettore DVD è consentita, per ovvie ragioni di sicurezza, anche sul display anteriore solo a veicolo fermo.

La B9 Tribeca promette un grande comfort a bordo. Innanzitutto l'abitacolo è capace di ospitare fino a 7 passeggeri (5 più 2 sull'ultima fila), oltre ad essere variamente configurabile grazie agli schienali sdoppiabili e ribaltabili della seconda e terza fila (rispettivamente nei rapporti 40/20/40 e 50/50) per incrementare il volume del bagagliaio. I sedili anteriori hanno molteplici regolazioni elettriche (in 8 direzioni quello del conducente, in 4 quello del passeggero), quello di guida ha la funzione memoria per due posizioni e sono entrambi riscaldabili. La selleria in pelle in due diversi tipi è di serie per il nostro mercato. Vani e portabicchieri sono disseminati un po' dappertutto, e sono previste due prese a 12V.
Il sistema di climatizzazione permette di selezionare temperature differenti per il lato destro e sinistro del veicolo ed è totalmente automatico, anche perché sarebbe difficile gestire un ventilatore capace di ben 32 livelli di velocità! Sul veicolo è stato montato un riscaldatore di grande capacità in grado di mantenere costante il calore anche in presenza di bassissime temperature esterne, e un efficiente e semplice sistema di filtraggio dell'aria. I passeggeri posteriori non sono stati dimenticati: per essi c'è la possibilità di regolare il clima indipendentemente, oltre a un ventilatore supplementare nel padiglione.
L'impianto audio "Premium" della B9 Tribeca (caricatore da 6 CD anche per MP3, 8 altoparlanti e subwoofer) si è meritato un riconoscimento, per la sua elevata qualità sonora, da parte della DLC Design Corporation (un'organizzazione USA indipendente che valuta gli impianti sonori). I comandi sono riportati sul volante e c'è la possibilità di collegare anche un lettore musicale esterno (tipo un iPod®); l'antenna esterna è integrata nel parabrezza, quindi invisibile.

A livello tecnico, non poteva mancare su una Subaru, oltretutto dotata dello status di ammiraglia, il motore Boxer: qui è presente la versione di punta, già montata su Legacy e Outback, un 3 litri dotato di sistemi AVCS (Active Valve Control - sistema di controllo attivo delle valvole) e AVLS (Active Valve Lift System - sistema attivo di regolazione dell'alzata delle valvole). La potenza massima è di 245 cv a 6600 giri/min, mentre la coppia è di 297 Nm a 4200 giri/min. Al di là dei numeri (non eclatanti) il motore promette grande rotondità di funzionamento, assenza di vibrazioni e la tipica sonorità dei motori boxer, ottenuta anche grazie a tubi di scarico a doppio involucro e doppi silenziatori.

Anche per la trasmissione troviamo componenti già utilizzati per altri modelli Subaru. Il cambio è automatico con sistema SPORTSHFIFT E-5AT, rivisto nella rapportatura (marce più lunghe per migliori i consumi) e nella logica di funzionamento che prevede ora un sistema adattativo per la gestione di salita/discesa e in curva, e la possibilità di utilizzo manuale. La trazione è, come per ogni Subaru, integrale (AWD) con ripartizione della coppia del 45% all'anteriore e del 55% al posteriore.

Le sospensioni derivano da quelle della Legacy, riviste per adattarsi al nuovo campo di impiego della B9 Tribeca: all'anteriore c'è un classico MacPherson, al posteriore un raffinato schema a bracci multipli con un nuovo doppio braccio oscillante trasversale.
Per facilitare le manovre in città, il diametro di sterzata è stato portato a soli 11,4 m, valore notevole per un SUV di queste dimensioni. Le ruote in lega leggera a 7 razze calzano pneumatici 255/55 R18.

La sicurezza attiva della B9 Tribeca si affida, oltre che alla trazione integrale, al sistema anti-sbandamento VDC (Vehicle Dynamics Control) che agisce su motore e freni di ogni singola ruota nonché sulla ripartizione di coppia. L'impianto frenante è stato adeguatamente dimensionato per rallentare due tonnellate di massa: davanti troviamo dischi ventilati da 316 mm di diametro e 30 mm di spessore, dietro da 320 mm e 18 mm, morsi da pinze in alluminio, e affiancati da un sistema che incrementa la pressione del circuito idraulico in base alla velocità con cui viene premuto il pedale del freno.

Il telaio della B9 Tribeca è stato rinforzato rispetto a quelli di Legacy e Outback, con incrementi della resistenza alla flessione e alla torsione del 55% e 22%: ciò si traduce in una maggiore sicurezza per i passeggeri in caso di urto e in un miglior comportamento stradale. Gli airbag sono del tipo a due stadi, che variano la velocità di gonfiaggio a seconda dell'intensità dell'impatto. Quelli a tendina SRS riescono a coprire tutti i finestrini anteriori e posteriori e il montante centrale.

Il prezzo previsto sarà compreso tra i 50 e i 55.000 Euro, elevato ma in linea con la concorrenza e l'allestimento offerto.

Autore: Alessio Ciarnella

Tag: Novità , Subaru


Top