dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 26 gennaio 2012

Le Pirelli per la Formula 1 2012

Più squadrate, con mescole più morbide. E tornano le "Cinturato"

Le Pirelli per la Formula 1 2012
Galleria fotografica - Le Pirelli F1 2012Galleria fotografica - Le Pirelli F1 2012
  • Le Pirelli F1 2012 - anteprima 1
  • Le Pirelli F1 2012 - anteprima 2
  • Le Pirelli F1 2012 - anteprima 3
  • Le Pirelli F1 2012 - anteprima 4
  • Le Pirelli F1 2012 - anteprima 5

Sul circuito di Yas Marina, ad Abu Dhabi, Pirelli ha presentato le gomme per la stagione 2012 di Formula 1 che prenderà il via da Melbourne il prossimo 18 marzo. Sebbene i regolamenti FIA riguardanti gli pneumatici rimangano uguali a quella della passata stagione, sono numerose i fronti su cui il gommista milanese ha lavorato durante la pausa invernale. La promessa è che le coperture 2012 saranno più efficienti, per via di un'area di impronta più ampia ed omogenea, ottenuta con un profilo più squadrato della spalla, e a mescole più morbide. Queste caratteristiche dovrebbero compensare il minore carico aerodinamico derivante dalla messa al bando degli scarichi soffiati.

TORNA IL CINTURATO
Le novità 2012 riguardano anche denominazioni e colori degli pneumatici, con bande più larghe sui fianchi per renderle meglio riconoscibili dal pubblico. Le gomme da asciutto continueranno a chiamarsi P Zero e riproporranno invece i colori dello scorso anno: grigio scuro per la mescola dura; bianco per la mescola media; giallo per la mescola morbida; rosso per la mescola supermorbida. Le gomme da bagnato prendono invece il nome di Cinturato e si distingueranno in "Wet", caratterizzati da banda blu, e "Intermedie", riconoscibili dal logo verde. La stagione 2012 segna il ritorno in F1 della denominazione "Cinturato", che esordì nel 1951 sull'Alfa 159 di Juan Manuel Fangio, che poi vinse il campionato, alternandosi sul podio con un'altra copertura Pirelli, la Stella Bianca montata sulle Maserati e sulle Ferrari 375. La tecnologia innovativa sviluppata da Pirelli per il Cinturato negli Anni '50 prende il nome dalla cintura radiale che avvolge la carcassa, realizzata in fibra tessile e successivamente evoluta in materiale metallico.

IL REGOLAMENTO
Ad ogni competizione le squadre dovranno utilizzare due delle quattro mescole a disposizione (due da asciutto, intermedio e rain). Prima dell'inizio del weekend di gara, Pirelli deciderà due delle quattro mescole da asciutto da mettere a disposizione dei Team, ad esempio, la hard e la soft. Delle due mescole, una assume la dicitura "Prime" ed è mescola che in teoria meglio si adatta al circuito e alle sue possibili configurazioni; la seconda opzione è la cosiddetta "Option". Ogni monoposto avrà a disposizione 11 set di gomme slick, tra Prime e Option, per weekend di gara. Il loro utilizzo è regolamentato in modo tale che non tutti gli 11 set sono contemporaneamente a disposizione dei Team in tutti i giorni di pre-gara e di gara vera e propria. In particolare, nelle prove libere del venerdì sono assegnati 3 set per vettura, di cui due Prime e una Option. Di questi, un set di Prime deve essere restituito alla fine della prima sessione di prove libere, il che significa che non possono essere usati più di due set, durante la seconda sessione. Il sabato mattina vengono poi resi disponibili ai Team 8 set complessivi, 4 per ciascun tipo di mescola: 2 set, uno per mescola, va restituito alla fine delle prove del sabato mattina. Questo comporta che i Team potranno utilizzare in tutto, per qualifiche e gara, solo tre set per ogni tipo di mescola. In gara, i piloti saranno costretti a montare almeno un set di ogni mescola, pena l'esclusione dalla competizione in corso. Nell'evenienza in cui la gara venga sospesa, i piloti che non hanno avuto modo di effettuare il cambio gomme si vedranno aggiungere una penalita' di 30 secondi ai loro tempi di gara.

Autore:

Tag: Motorsport , formula 1 , pneumatici


Top