dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 19 gennaio 2012

Liberalizzazioni, Rc auto: con la scatola nera futuro roseo?

Forse in arrivo una svolta che raffredderà i prezzi Rca

Liberalizzazioni, Rc auto: con la scatola nera futuro roseo?

Per l'Rc auto si prospetta una rivoluzione: la scatola nera per registrare i movimenti e preservarli in caso di incidente in modo da ricostruire la dinamica dell'impatto. Il Governo Monti ha varato la nuova bozza di decreto legge sulle liberalizzazioni, che l'esecutivo stesso definisce "un primo intervento ad ampio raggio: che è il frutto della convinzione di dover agire in tutte le direzioni, ovunque sia possibile inserire stimoli competitivi. L'inizio di una politica economica orientata alla crescita". In tutto, 44 articoli, 107 pagine, con un capitolo importantissimo sulla Rc auto, tema di scottante attualità per il rincaro continuo delle tariffe: solo qualche settimana fa, l'Antitrust aveva parlato di rialzi fino al 35% negli ultimi due anni; una percentuale bollata come fantasiosa dall'ANIA (la Confindustria delle Assicurazioni).

IL TESTO
Per la precisione, la bozza prevede che "nel caso in cui l'assicurato acconsenta all'installazione di meccanismi elettronici che registrano l'attività del veicolo, denominati scatola nera o equivalenti, i costi sono a carico delle Compagnie che praticano inoltre una riduzione rispetto alle tariffe stabilite". È lo stesso ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, a definire l'obiettivo del Governo, ossia il contenimento dei costi Rc auto e, di riflesso, delle tariffe: "Il Governo è intervenuto presso le associazioni delle Imprese assicuratrici per approfondire e porre rimedio alla situazione di aumento generalizzato dei premi assicurativi e inviato una segnalazione all'Antitrust per attivare una verifica sull'eventuale esistenza di intese restrittive della concorrenza tra le Compagnie di assicurazione". E l'ANIA ha, ovviamente, fornito al ministero tutte le informazioni richieste.

DUBBI
Trattandosi di una bozza, si deve ragionare sul testo provvisorio del decreto liberalizzazioni. Ma i dubbi che solleva sono numerosi. Anzitutto, l'assicurato deve dare l'ok all'installazione della scatola nera, ma non è chiaro se quel dispositivo debba essere obbligatoriamente offerto dalle Compagnie a tutti i clienti o solo a determinati profili. Secondo, sarà pur vero che i costi dell'installazione sono a carico dell'Assicurazione, però occorre verificare se pure l'abbonamento annuale (c'è pur sempre una localizzazione satellitare tramiote sistema Gps) venga regalato. Ma il punto più importante è senz'altro quello degli sconti: la bozza parla genericamente di riduzioni. Quanto, con precisione? Va detto che, seppure nel massimo rispetto della privacy dell'assicurato, la scatola nera è comunque un po' "invasiva", giacché registra i movimenti dell'auto. A fronte di quale sconto? Già oggi alcune Compagnie concedono ribassi tariffari in cambio dell'installazione della "black box", e non è che ci siano risparmi molto allettanti. Il vecchio progetto Check Box dell'Isvap (vigila sulle Assicurazioni) con 13 Compagnie a Torino, Milano, Roma, Napoli e Palermo prevedeva uno sconto del 10% a 17.100 clienti selezionati che hanno aderito all'iniziativa. Non un taglio della tariffa entusiasmante.

ANTI-TRUFFA
Ovviamente includendo nel decreto liberalizzazioni la scatola nera si punta soprattutto a ridurre le truffe: se ne contano circa 80.000 l'anno in Italia, e le Assicurazioni ripetono da anni che incidono pesantemente sui bilanci, con conseguenti rincari tariffari. Con la "black box", il lavoro dei malviventi dovrebbe risultare più difficile, a beneficio dei bilanci delle Compagnie e dei portafogli degli italiani che hanno un'auto. La scatola nera consente inoltre di capire se il profilo è a rischio e di tagliare su misura la Rca (personalizzazione); e aiuta a definire la dinamica degli incidenti e a individuarne le responsabilità.

Per saperne di più consulta la guida alle assicurazioni di OmniAuto.it.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , roma , assicurazioni


Top