dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 12 gennaio 2012

Il decreto liberalizzazioni visto dall'automobilista

Nella manovra sono compresi i carburanti, i taxi e le autostrade

Il decreto liberalizzazioni visto dall'automobilista

Entro gennaio il Governo Monti approverà il decreto sulle liberalizzazioni che rivoluziona diversi settori, dai servizi postali alle farmacie, passando per gli studi notarili e le professioni di commercialista e avvocato, senza risparmiare il settore auto. In particolare sono tre gli argomenti che più toccano il mondo delle quattro ruote: la liberalizzazione della rete di distribuzione carburanti; la liberalizzazione delle licenze taxi e quella delle tariffe autostradali. Vediamole in dettaglio.

LA LIBERALIZZAZIONE DEI CARBURANTI
Secondo una prima bozza del decreto liberalizzazioni del Governo Monti che è stata pubblicata ieri da La Repubblica "i benzinai titolari del distributore - come si legge nell'anticipazione - potranno acquistare benzina, gasolio o GPL presso rivenditori e grossisti diversi dal marchio che campeggia sull'impianto. Anche gli altri benzinai che non sono proprietari dell'impianto, potranno rifornirsi di prodotti raffinati per almeno il 20% dell'erogato medio dell'anno precedente o del fabbisogno". Inoltre, se la bozza delle liberalizzazioni verrà confermata così come è stata anticipata, vedremo i distributori trasformarsi in una sorta di tabaccai-edicolanti che avranno anche la possibilità di far diventare l'impianto self-service più facilmente di quando non lo sia oggi. L'obiettivo è quello di far abbassare i listini e la categoria dei benzinai si è già detta interessata e favorevole alla liberalizzazione.

PIU' LICENZE TAXI
La categoria dei benzinai, come aveva già spiegato ad OmniAuto.it il segretario nazionale di Fegica Cisl, Alessandro Zavalloni, è "tra la pochissime categorie - se non l'unica - non solo a non opporsi alla liberalizzazione ed alla rimozione dei vincoli che ingessano il proprio mercato, ma addirittura a chiederla a gran voce, anche attraverso un proprio progetto di legge che l'estate scorsa ha saputo raccogliere le firme di oltre 650.000 cittadini". Lo stesso infatti non si può dire di quella dei tassisti. Di fronte all'ipotesi di licenze che potrebbero lievitare, la categoria si è ribellata con uno sciopero fissato per il 23 gennaio. Il decreto liberalizzazioni del Governo Monti prevede inoltre che tutte le decisioni in questo settore vengano prese da una nuova Autorità: l'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori servizi e forniture.

NUOVI CRITERI PER LE TARIFFE AUTOSTRADALI
L'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori servizi e forniture si occuperà sia di distribuire il numero di licenze di taxi da assegnare ai Comuni che di definire le tariffe autostradali in base al criterio del price cap, ovvero quel sistema di calcolo della tariffa che tiene conto dell'inflazione e di alcuni fattori, come qualità del servizio e investimenti effettuati dal gestore, che ha già fatto lievitare i prezzi da gennaio 2012.

Autore:

Tag: Attualità , gpl , metano , carburanti alternativi , autostrade , taxi , carburanti


Top