dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 3 gennaio 2012

Rc auto: al Sud c'è meno concorrenza

Lo dice un'indagine di Altroconsumo. A Napoli aumenti oltre il 9% in 12 mesi

Rc auto: al Sud c'è meno concorrenza

Milano, Roma, Napoli, Palermo. Nord, Centro, Sud e Isole dal punto di vista della Rc auto. Che è aumentata per tutti, ma più al Sud che al Nord, come rileva un'inchiesta di Altroconsumo, che ha analizzato la variazione nel 2011 dei premi medi di 50 compagnie assicurative per due profili di automobilista: un 35enne in classe 4 e un 40enne in classe 1, entrambi senza sinistri e assicurati da 10 anni. Le differenze sono enormi, perché un 35enne paga un premio medio di 1.309 euro a Napoli, 698 euro a Roma, 697 euro a Palermo e 522 euro a Milano. Ma l'incidenza dei furti e dell'incidentalità c'entra poco, come ha rilevato uno studio di qualche mese fa della stessa Ania, l'associazione che riunisce le compagnie assicurative. A pesare sulla spesa per l'assicurazione dell'automobilista meridionale sarebbe piuttosto la scarsa concorrenza e i rincari ingiustificati al Sud, una situazione che pochi mesi fa ha indotto l'Isvap a sanzionare sei compagnie in un'istruttoria che sta proseguendo nei confronti di molte altre.

QUANTO E' AUMENTATA IN 12 MESI
È Napoli la città che ha registrato un aumento maggiore: nell'ultimo anno il premio pagato da un automobilista 40enne in classe 1 proprietario di un'auto di 1.300 cc di cilindrata è aumentato del 4%. Se a gennaio 2011 l'automobilista partenopeo pagava un premio di 978,36 euro, a dicembre ha dovuto sborsare 1.017 euro. E' andata peggio ai 35enni, con aumenti medi del del 9,20% a fronte di un tasso di inflazione dell'1,5%: dai 1198,91 euro di inizio anno ai 1309,26 di dicembre. A Palermo il rincaro medio gennaio-dicembre 2011 è stato del 3,5% per un 35enne (da 673,38 a 696,95 euro) e del 4,06% per l'assicurato 40enne (da 550,84 a 573,20 euro a fine anno). Più contenuti gli aumenti al Centro e al Nord. A Milano in un anno le tariffe sono cresciute dell'1,33% per un 40enne (da 422,83 a 428,44 euro ) e dello 0,38% per un 35enne (da 519,68 a 521,67 euro), mentre a Roma i 35enni hanno pagato lo 0,46% in più in dodici mesi (da 694,55 a 697,72 euro) e i 40enni l'1% in più (da 564,87 a 570,53 euro).

MENO SCELTA, MENO CONVENIENZA
Ma quale sarebbero le ragioni di questo divario se il numero di incidenti non c'entra? Altroconsumo sostiene che sono molteplici, ma tra questi ci sarebbe "la politica commerciale che punta ad assicurare automobilisti che hanno fatto pochi incidenti: il risultato è che chi abita al Nord ha molte più offerte tra le quali scegliere, mentre al Sud la concorrenza è scarsa e fa allineare le tariffe verso l'alto".

Per saperne di più consulta la guida alle assicurazioni di OmniAuto.it.

Autore:

Tag: Attualità , assicurazioni


Top