dalla Home

Home » Argomenti » Patente

pubblicato il 28 dicembre 2011

Guidare a 17 anni: ecco come

Dal 21 aprile 2012 è consentita la "guida accompagnata". Cosa bisogna sapere

Guidare a 17 anni: ecco come

A partire dal 21 aprile 2012 si potrà guidare l'auto a 17 anni. E' stato infatti pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il regolamento su una delle novità più attese introdotte dal Codice della Strada varato nel 2010, la cosiddetta "guida accompagnata", cioè la possibilità per i 17enni di esercitarsi un anno prima nella guida di un'automobile in vista del conseguimento della patente B. Chi vorrà farlo, però, dovrà essere già in possesso di patente A, non potrà guidare da solo, ma in presenza di un accompagnatore che abbia conseguito la patente B da oltre 10 anni, e solo dopo aver frequentato un apposito corso propedeutico presso le autoscuole. Vediamo nel dettaglio come si ottiene il permesso di esercitarsi alla guida a 17 anni.

I REQUISITI
Possono richiedere l'autorizzazione alla guida accompagnata coloro che hanno già compiuto 17 anni e sono in possesso di patente A in corso di validità sulla quale non gravano provvedimenti di revoca o sospensione. Possono essere designati fino a tre accompagnatori, che devono avere un'età non superiore a 60 anni e devono essere titolari da almeno dieci anni di patente B o superiore, con esclusione di quelle speciali, in corso di validità. Anche nel caso degli accompagnatori la patente deve essere in regola e questi non devono aver subito provvedimenti di sospensione negli ultimi cinque anni.

L'ITER
L'aspirante automobilista già in possesso di patente di guida A, dovrà presentare agli uffici della Motorizzazione Civile competente per territorio una istanza per l'autorizzazione alla guida accompagnata firmata anche da un genitore. L'ufficio, effettuate le verifiche, rilascia una ricevuta di presentazione dell'istanza che consente al minore di iscriversi ad un corso di formazione propedeutico alla guida accompagnata presso le autoscuole. Al termine del corso l'autoscuola consegna al minore un attestato di frequenza che va presentato alla Motorizzazione, che rilascia finalmente l'autorizzazione con cui l'aspirante patentato si potrà esercitare. Questa contiene i nominativi degli accompagnatori designati e rimane valida fino al compimento del 18esimo anno di età, dunque per continuare le esercitazioni dovrà essere presentata istanza per il conseguimento della patente B e ottenere il cosiddetto "foglio rosa".

IL CORSO
Il corso di formazione ha durata di almeno dieci ore effettive di guida. Le lezioni sono individuali e ciascuna lezione non può avere durata superiore a due ore giornaliere. Il programma prevede un'ora di lezione sull' uso del veicolo, tre ore su comportamento nel traffico; due ore in condizioni di visione notturna, due ore su strade extraurbane e due ore su autostrade o strade extraurbane principali/secondarie. Qualora un candidato autorizzato alla guida accompagnata presenti istanza per il conseguimento della patente B o B speciale entro sei mesi dal compimento della maggiore età, le ore di corso pratico di guida sono scalate dalle ore di esercitazione necessarie per ottenere la patente B.

L'AUTO
L'auto con la quale il 17enne può esercitarsi deve avere rapporto potenza/peso non superiore a 55 kW/t e comunque potenza non superiore a 70 kW (qui il listino), ovvero la stessa limitazione in vigore per i neopatentati. La vettura impiegata nell'esercitazione deve essere munita sia all'anteriore che al posteriore di un contrassegno recante le lettere "GA" (acronimo di "Guida Accompagnata") di colore nero su fondo giallo retroriflettente. Le dimensioni sono di 30x30 cm al posteriore e 12x15 cm all'anteriore. Il contrassegno deve essere ben visibile e naturalmente non ostacolare la visibilità dal posto di guida e da quello occupato dall'accompagnatore.

COME I NEOPATENTATI
I 17enni che hanno ottenuto l'autorizzazione ad esercitarsi alla guida sono soggetti alle stesse limitazioni in vigore per i neopatentati, come limiti di velocità più bassi: 100 km/h (invece di 130) in autostrada e 90 km/h (anziché 110) sulle extraurbane principali. Durante la guida accompagnata deve essere presente un solo accompagnatore e non si possono trasportare passeggeri. L'autorizzazione alla guida accompagnata può essere revocata in caso di violazioni al Codice della Strada che comportano l'interdizione alla guida sia durante l'esercitazione, sia durante la guida individuale di moto con la patente di cui il 17enne è già in possesso.

Autore:

Tag: Attualità , codice della strada , patente a punti


Top