dalla Home

Videogame

pubblicato il 23 dicembre 2011

Daytona USA

Rolling start!

Daytona USA
Galleria fotografica - Daytona USAGalleria fotografica - Daytona USA
  • Daytona USA - anteprima 1
  • Daytona USA - anteprima 2
  • Daytona USA - anteprima 3
  • Daytona USA - anteprima 4
  • Daytona USA - anteprima 5
  • Daytona USA - anteprima 6

Xbox Live Arcade e PS Network non smettono mai di farci sorridere e questa volta lo fanno proponendoci Daytona USA, una gloria del passato che aspettavamo da tempo, sebbene un po' intimoriti visto l'oltraggio tremendo fatto alla colonna Sonora di Crazy Taxi. Forse in casa Sega si sono un po' pentiti, e per lavarsi la coscienza il team capitanato da Haruki Satomi ha chiaramente lavorato con maggiore impegno su questo porting,aggiungendo una piacevolissima feature proprio nel comparto musicale.

UN NOME, UNA LEGGENDA
Per chi non conoscesse il titolo, probabilmente a causa di una vacanza su un'isola deserta finita male, diciamo subito che si tratta di uno dei prodotti più giocati di sempre nelle sale giochi di tutto il mondo. Pubblicato nel 1993 e sfruttato successivamente come titolo di lancio del Saturn, il gioco ci mette alla guida di una stock car all'interno di tre differenti percorsi dove, attraverso il corretto uso delle marce, ma ancor di più delle traiettorie, dovremo ovviamente essere i primi a tagliare il traguardo. Il gameplay è talmente arcade da risultare un punto di riferimento per ogni altro titolo del settore, e anche a distanza di quasi vent'anni il gioco non ha perso il suo fascino risultando immediato e avvincente proprio come all'epoca della sua comparsa che coincise con il debutto delle famose schede Model2, hardware sul quale vennero sviluppate altre meraviglie come The House of The Dead, Virtua Fighter 2, Manx TT o il primo Sega Rally Championship.

PICCOLI RITOCCHI
Da un punto di vista grafico l'aggiunta dell'alta risoluzione è ovviamente una piacevole novità, ma non aspettatevi alcuna meraviglia; diciotto anni sono tantissimi e difficili da camuffare con un semplice lifting, alcuni ritocchi alle texture, l'eliminazione dell'effetto pop up e 60 fps costanti. Il gioco è arzillo ma vecchiotto, non c'è dubbio. In compenso,il reparto musicale risulta splendido come sempre (ah, se solo quei coin op avessero avuto casse un po' più potenti...) e beneficia di una modalità karaoke assolutamente da provare dove i testi delle canzoni si coloreranno per farvi urlare i temi del gioco con una spensieratezza che, almeno nei videogiochi, solo i giapponesi conoscono. Il risultato, specialmente se in compagnia, è esilarante: guidare a 300 km\h cantando Daytooonaaa let's go away è davvero un'esperienza senza prezzo e senza precedenti.

COME L'ORIGINALE
Sul fronte giocabilità, questa conversione è la perfetta trasposizione dell'originale. La reattività dello sterzo è rimasta invariata e la possibilità di utilizzare volanti di ogni genere su Xbox e il Logitech GT su PS3 rende ogni partita favolosamente simile a quella della controparte a gettoni. Anche a livello di multyplayer gli sviluppatori del Sol Levante non hanno voluto tradire le enormi aspettative riposte dai fan dell'originale: se in sala giochi Daytona USA fu il primo titolo a permettere a ben otto persone di sfidarsi simultaneamente (ovviamente con un investimento che solo pochigestoririuscirono ad affrontare), lo stesso è possibile oggi via Internet con un modesto ma quanto mai valido investimento di 9.99 € per PS Network o di 800 punti su Xbox Live Arcade. Come dire: quasi meglio del mattone.

INFO
Piattaforme: PS Network, Xbox Live Arcade
Prezzo: 9,90 € PS3 - 800 punti Microsoft Xbox 360
Giocatori: fino a 8
Editore: Sega AM2
Sviluppatore: Sega
Specialità:
Stock car


Daytona USA

Daytona USA, il trailer ufficiale

Autore: Manfredi de Arcayne

Tag: Videogame , videogiochi


Top