dalla Home

Test

pubblicato il 29 dicembre 2011

Volkswagen Touran 1.4 TSI Ecofuel

Con il metano, alla 7 posti bastano 5 euro per fare 100 km

Volkswagen Touran 1.4 TSI Ecofuel
Galleria fotografica - Volkswagen Touran 1.4 TSI EcofuelGalleria fotografica - Volkswagen Touran 1.4 TSI Ecofuel
  • Volkswagen Touran 1.4 TSI Ecofuel - anteprima 1
  • Volkswagen Touran 1.4 TSI Ecofuel - anteprima 2
  • Volkswagen Touran 1.4 TSI Ecofuel - anteprima 3
  • Volkswagen Touran 1.4 TSI Ecofuel - anteprima 4
  • Volkswagen Touran 1.4 TSI Ecofuel - anteprima 5
  • Volkswagen Touran 1.4 TSI Ecofuel - anteprima 6

Fa uno strano effetto non essere sopraffatti dall'aumento delle accise sui carburanti deciso dal Governo Monti con l'ultima manovra economica. Sta di fatto che sulla Touran Ecofuel 1.4 TSI ci si sente protetti dall'attacco alle tasche che ormai colpisce puntualmente l'automobilista. E mette di buon umore scoprire che bastano 4,7 euro di metano per coprire 100 km. Non solo, ma in questo strano inverno in cui non piove, è meritorio associare il risparmio di carburante alla riduzione delle emissioni, nella consapevolezza di contribuire a contenere l'impatto sull'ambiente.

IL METANO NON VA PIANO
Se a tutto questo aggiungiamo anche che la Volkswagen ha risolto uno dei principali problemi della trazione a gas naturale, ovvero ha azzerato quel ritardo prestazionale da sempre sofferto rispetto alle auto a benzina, si può capire perché guidare la monovolume della Casa tedesca possa essere un piacere. E si trovano delle risposte sul perché le tre generazioni della Touran (è nata nel 2003) in Germania siano state vendute in oltre 1,13 milioni di unità, conquistando nel proprio segmento quasi la metà del mercato tedesco, mentre in Europa è tra le prime cinque della categoria. Abbiamo provato l'ultima generazione della monovolume compatta VW nei giorni del Motor Show di Bologna: nella versione Comfortline si propone in veste rinnovata, secondo i tratti del nuovo DNA della Casa. Pur mantenendo pressoché invariate le dimensioni rispetto al modello precedente, il frontale e il posteriore sono stati completamente ridisegnati e conferiscono alla Touran Ecofuel 1.4 TSI un'immagine più moderna e dinamica. Da un punto di vista stilistico i tecnici di Wolfsburg hanno scelto linee classiche con stilemi che richiamano altri modelli del marchio, unendo sobrietà ad eleganza. L'impatto visivo non è quello di un modello lungo 4,4 metri, largo 1,8 e alto 1,7, ma l'effetto è di una forma più snella per quei volumi. Del resto è migliorata la penetrazione aerodinamica con un Cx di 0,29 rispetto allo 0,32 del modello 2007 e ha pure ridotto i fruscii dell'aria oltre una certa velocità.

MAGNIFICI SETTE
E, quasi in un gioco degli specchi, si ha l'effetto contrario quando ci si siede al volante: rispetto alla Golf da cui deriva, la Touran ha una capacità di carico superiore del 50%. La carrozzeria monovolume accentua l'idea di spazio: basta lanciare uno sguardo nello specchietto retrovisore interno per scoprire i sette posti disposti su tre file. L'effetto "pulmino", però, svanisce in un attimo. Le prime due file assicurano comfort in abbondanza: ci sono cinque poltrone scorrevoli con schienali regolabili singolarmente. L'abitabilità è eccellente, mentre sono più sacrificati per spazio e per modalità d'accesso i due sedili della terza panca, più adatti ai bambini o ad adulti per percorsi brevi. Il bagagliaio in questa configurazione lascia solo 121 litri di carico, ma diventano 695 se si ribalta sul piano di carico la terza fila di sedili e cresce a 1.913 rimuovendo la seconda fila. Soluzioni molto flessibili con operazioni manuali semplici ed intuitive. Il posto guida è ergonomico: tutto è a portata di mano e a colpo d'occhio. L'unico pulsante nascosto, collocato nella tasca della portiera, è quello che aziona lo sportellino per il rifornimento (c'è sia il bocchettone di benzina sia la presa di carico per il metano). La seduta è alta per cui è preferibile stare piuttosto vicini al volante e le gambe sono poco sdraiate: così si possono percorrere lunghe distanze senza accusare fatica. Molto buona la visibilità: un deflettore riduce l'angolo morto del montante anteriore e conferisce un'importante sensazione di sicurezza.

DOPPIO INDICATORE
Per le manovre in retromarcia, invece, è meglio fare ricorso ai sensori di parcheggio (si disinserisce anche il volume della radio per imporre la massima concentrazione). La strumentazione è quella tipica VW ma con una particolarità per la doppia alimentazione. Ci sono due indicatori di livello del carburante: a sinistra quello del metano, a destra quello della benzina. Non fatevi condizionare dal fatto che sono di identiche dimensioni, perché la capacità varia, eccome. La Touran EcoFuel, in sostanza, è una monovalente ottimizzata per viaggiare a gas naturale (ci sono tre bombole da 18 kg - diventano 24 kg nella 5 posti - poste sotto il pianale in coda). Il piccolo serbatoio di benzina (11 litri) è nient'altro che la "riserva". Entra in funzione solo ad esaurimento del metano e nelle partenze a freddo. Il display del computer di bordo segnala con precisione consumo medio, istantaneo e autonomia residua. Non cercate, quindi, il commutatore fra le due alimentazioni perché non c'è: è tutto automatico.

PICCOLO È BELLO
In fatto di motori, downsizing è la parola magica: il quattro cilindri 1.4 TSI surclassa il vecchio 2.0 da 109 CV su tutti i fronti. La tecnologia Twincharger combina compressore meccanico e volumetrico: ciò consente alla compatta MPV tedesca di disporre di un propulsore high-tech a iniezione diretta da 150 CV, Euro 5, capace di una velocità massima di 205 km/h (contro i 180 della 2.0), un'accelerazione 0-100 km/h in 10"2. Molto elastica è la coppia: i 220 Nm si sentono tra i 1.500 e i 4.500 giri/min. Una curiosità: al minimo il motore non si sente, è silenziosissimo. La capacità di guida condiziona pesantemente il consumo. La Touran Ecofuel 1.4 TSI nasconde due anime: sa essere scattante, ma se avete fretta non ricordate i dati ufficiali ottimistici (4,7 kg/100 km), secondo cui si dovrebbero coprire circa 380 km con un pieno di metano. Il nostro display alla consegna della vettura indicava un pieno da 360 km e circa quella distanza abbiamo percorso alternando tratti di autostrada (Verona - Bologna) al ciclo urbano. E sfruttando la "riserva" di benzina è possibile bucare la distanza dei 500 km.

SIATE DELICATI
Usando il piede di velluto (tanto in accelerazione che in staccata) si migliorano sensibilmente i consumi e ci si può avvicinare, forse, ai valori della Casa e le emissioni allo scarico che sono contenute in 129 g/km: del resto il metano è il carburante più ecologico disponibile in rete. La frenata è sicura, ma la sensazione è che sia molto modulabile: non c'è un grip immediato, la sensazione per qualche attimo è di "galleggiare" per effetto della massa, ma lo spazio d'arresto è sempre quello giusto. Diciamo che invita a evitare una sollecitazione del sistema, anche per non ridurre il comfort di marcia perché sente la repentina variazione di carico. Nel misto stretto l'assetto è piuttosto morbido: evidenzia una predisposizione al rollio, che si può correggere giocando d'anticipo sul volante, per spegnere il naturale sottosterzo. Lo sterzo è preciso e ben asservito: l'essere quasi sull'asse anteriore rende facili le correzioni e sorprendenti le inversioni di marcia. Nel veloce, inoltre, la Touran mostra doti di tenuta sorprendenti, frutto di un'ottima distribuzione dei pesi che conferisce una grande sensazione di sicurezza e piena padronanza della vettura. A pieno carico (sette adulti) il comportamento non cambia nella sostanza, anche se, ovviamente, le reazioni sono meno repentine.

ALTA CARA...TURA
La Comfortline ha un listino di 28.150 euro. Non sono pochi, ma si giustificano con l'esaustivo equipaggiamento di serie che comprende climatizzatore automatico bi-zona, regolatore di velocità, computer di bordo, fari e tergicristalli ad accensione automatica. Curate le finiture: per esempio volante, pomello del cambio e impugnatura della leva del freno a mano sono in pelle. La ricca dotazione di sicurezza è valsa alla Touran le 5 stelle nei crash test dell'Euro Ncap. Ci sono doppi airbag frontali e laterali, airbag per la testa dei passeggeri anteriori e posteriori laterali (terza fila esclusa) oltre a ESP, ABS con assistenza di frenata. A 30.600 euro è disponibile la Highline con l'allestimento top di gamma, mentre se si vuole anche la trasmissione DSG si arriva a 32.350 euro. Si tratta di un cambio a doppia frizione a 7 rapporti con modalità automatica o manuale tramite le palette dietro il volante: è comodo quanto efficiente nel ridurre i consumi (4,6 kg/100 km) ed le emissioni di CO2 (125 g/km). Un consiglio: quando vi spostate su lunghe percorrenze individuate in anticipo i distributori di metano per programmare i rifornimenti. Altrimenti si rischia di diventare dei "rabdomanti" di gas naturale, per evitare di trasformarvi in piloti abili nel fare brevi pit stop di benzina. Anche in F.1 hanno abolito i rabbocchi di carburante...

Scheda Versione

Volkswagen Touran
Nome
Touran
Anno
2006 (restyling del 2010) - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
Multispazio
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Franco Nugnes

Tag: Test , Volkswagen , metano , auto europee


Listino Volkswagen Touran

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 TSI Trendline anteriore benzina 105 1.2 7 € 23.600

LISTINO

1.6 TDI DPF Trendline anteriore diesel 105 1.6 7 € 26.100

LISTINO

1.2 TSI BlueMotion Technology Comfortline anteriore benzina 105 1.2 7 € 26.750

LISTINO

1.4 TSI EcoFuel Trendline anteriore metano 150 1.4 7 € 27.800

LISTINO

1.6 TDI DPF Comfortline anteriore diesel 105 1.6 7 € 28.700

LISTINO

1.6 TDI BlueMotion Technology Comfortline anteriore diesel 105 1.6 7 € 29.200

LISTINO

1.4 TSI EcoFuel Comfortline anteriore metano 150 1.4 7 € 30.400

LISTINO

1.6 TDI DPF DSG Comfortline anteriore diesel 105 1.6 7 € 30.600

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top