dalla Home

Test

pubblicato il 19 dicembre 2011

Subaru XV, il SUV delle Pleiadi

Look coupé, hi-tech e prezzi concorrenziali. Anche automatica e a GPL

Subaru XV, il SUV delle Pleiadi
Galleria fotografica - Subaru XV - TESTGalleria fotografica - Subaru XV - TEST
  • Subaru XV - TEST - anteprima 1
  • Subaru XV - TEST - anteprima 2
  • Subaru XV - TEST - anteprima 3
  • Subaru XV - TEST - anteprima 4
  • Subaru XV - TEST - anteprima 5
  • Subaru XV - TEST - anteprima 6

L'obiettivo è ambizioso e nemmeno tanto celato: insidiare la Nissan Qashqai, regina del segmento dei crossover compatti. Un genere non nuovo per Subaru, dato che la prima Forester, nata nel 1997, era un mix transgenico fra SUV, MPV e station wagon. Per uno scherzo del destino (o del marketing), proprio quando, nel 2008, la concorrenza iniziava a fiutare che il genere "tutti in uno" poteva essere un successo vero, Subaru presentò la nuova generazione di Forester, più grande, alta, fuoristradistica. Una vettura riuscita (circa 2.000 unità vendute ogni anno nel nostro Paese), ma che non può competere con Qashqai & Co. Risultato: dopo tre anni passati a guardare gli altri spartirsi la ricca torta, la Casa delle Pleiadi torna con determinazione nel mercato con la XV, costruita sulla base dell'Impreza di quarta generazione (la nuova, in Italia nel 2012). Il debutto è fissato per il 21 e 22 gennaio, ma la vettura sarà ordinabile già dal 19 dicembre. Per ora solo con motorizzazioni benzina e diesel, dall'estate anche con alimentazione bi-fuel benzina/Gpl.

UNA SPOLVERATA ALL'IMMAGINE
Dici Subaru e pensi a vetture razionali, ben fatte, tecnologicamente all'avanguardia, ma certo non accattivanti nel look. La XV vuole modificare questa percezione: un desiderio evidente fin dalla tavolozza colori, in cui risalta uno sgargiante arancione vietato ai timidi. Non solo: i 4,45 metri di lunghezza sono ben dissimulati da un taglio di coda simile a quello delle coupé, basso e sfuggente. I copriparafanghi e i cerchi oversize neri conferiscono invece tonicità all'insieme; un'impressione rinforzata dall'altezza da terra, pari a ben 22 centimetri, presupposto ideale per buone doti offroad.

SUBARU INSIDE
Una volta aperta la portiera, invece, si torna alle tradizioni. Nel senso che l'abitacolo è disegnato nell'ottica della massima funzionalità, senza badare troppo a "orpelli" e finezze di vario genere. Un'impostazione a cui tengono fede anche i materiali: le plastiche utilizzate non sono delle più morbide, ma danno senza dubbio l'impressione di poter resistere alle insidie del tempo e dell'usura. Austerità, tuttavia, non significa carenza di attenzione per i passeggeri, anzi. Gli allestimenti sono piuttosto completi e comprendono, fin dall'allestimento base Comfort, i sedili anteriori riscaldabili. La Subaru XV Trend si arricchisce del clima bizona, della telecamera posteriore, del cruise control e dell'hi-fi premium. Infine, la top di gamma Executive offre il tetto apribile elettricamente, il navigatore satellitare e il sedile del guidatore a regolazione elettrica. Si diceva del "taglio" del tetto da coupé: una scelta che solitamente penalizza accessibilità e abitabilità posteriore. Non in questo caso: le aperture laterali hanno un angolo ampio e una volta dentro lo spazio per la testa è abbondante anche per chi supera i 180 cm di statura. Rimane comunque consigliabile viaggiare in quattro, più che altro per motivi di larghezza a livello spalle. Il bagagliaio? La capacità varia da 380 a 1270 litri: poco più di una Volkswagen Golf (350/1.305), per intenderci. Nulla di eccezionale, ma più che sufficiente per viaggiare in quattro. Unica pecca, dunque, è la soglia d'accesso è un po' alta.

BENZINA E DIESEL, MA SEMPRE BOXER
Vera e propria bandiera di Casa Subaru, l'architettura boxer è alla base dei motori della XV. L'offerta di articola su tre alternative: 1.6 e 2.0 benzina, 2.0 turbodiesel; propulsori in grado di erogare, rispettivamente, 114, 150 e 147 CV. L'ultimo, in particolare, concentrerà su di sé ben il 70% delle preferenze, secondo quanto prevedono gli uomini di Subaru Italia. A differenza delle rivali Nissan Qashqai, Hyundai ix35 e Mitsubishi ASX - le cui versioni di accesso alla gamma sono a trazione anteriore - la Subaru XV è disponibile solo con trazione 4WD permanente. Tornando al motore, quello giapponese è senza dubbio il 4 cilindri a gasolio più fluido del mercato ai bassi regimi. La parola vibrazioni non fa parte del vocabolario di questo 2 litri, che non impressiona certo per le prestazioni assolute, ma è in grado di assicurare una fruibilità superiore alla media (anche rispetto ad alcuni propulsori ben più "spinti", a parità di cilindrata). Ci si può "dimenticare" il cambio in terza, tranquilli che le riprese non avranno mai incertezze, così come l'allungo anche sopra i 3.000 giri. Un bel plus, soprattutto in città. A proposito di città, non tarda a farsi apprezzare la morbidezza delle sospensioni, indulgenti sulle buche e sul pavé. Capitolo benzina: la novità è l'1.6. Ottimo per contenere il prezzo d'acquisto, si rivela sottodimensionato per la XV; soprattutto in autostrada mostra il fiato corto alla prima salita, dove si è costretti a scalare per cercare di mantenere la velocità di crociera. Meglio il 2.0, anche se forse è meglio attendere la versione a Gpl, dati i consumi non proprio contenutissimi.

NATA PER VIAGGIARE
Abbandonato il selciato urbano, sulle colline attorno a Firenze (città scelta dalla Subaru per il lancio internazionale) la XV mette in mostra una buona tenuta di strada, assicurata da un rollio contenuto e dalla generosa gommatura: 225/55 R17. Peccato solo per lo sterzo, che fra lentezza di risposta e scarso feeling limita il dinamismo della giapponese fra le curve. Poco male, la XV non vuole certo fare concorrenza alla Impreza STi. La cosa è evidente in autostrada, dove emerge il buon isolamento acustico (sia di natura aerodinamica sia meccanica) e l'efficace assorbimento degli avvallamenti affrontati in velocità.

DA 22.900 A 31.990 EURO
Come detto, il debutto è programmato per gennaio; gli "aficionados" del Gpl dovranno invece attendere l'estate del 2012. I prezzi? L'entry level è rappresentato dalla 1.6 benzina in allestimento Comfort: 22.900 euro e i sedili anteriori riscaldabili, l'ESP e 7 airbag sono di serie. La Trend (+3.000 euro) aggiunge il cruise control, il climatizzatore automatico bizona e la telecamera posteriore. Passando al diesel, 26.990 euro è il prezzo della Comfort, 29.990 quello della Trend e 31.990 quello della top di gamma Exclusive (con tetto apribile elettricamente, sedile guidatore con regolazione elettrica, keyless system, navigatore...). Il cambio automatico, infine, è il CVT Lineartronic, disponibile con tutti i motori a 2.020 euro.

Scheda Versione

Subaru XV
Nome
XV
Anno
2012
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Adriano Tosi

Tag: Test , Subaru , auto giapponesi


Listino Subaru XV

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.6i Free 4x4 benzina 114 1.6 5 € 19.990

LISTINO

1.6i BI-Fuel Free 4x4 GPL 114 1.6 5 € 22.090

LISTINO

1.6i-S 5MT Style 4x4 benzina 114 1.6 5 € 23.990

LISTINO

2.0d Free 4x4 diesel 147 2.0 5 € 24.990

LISTINO

2.0i-ES 6MT Style 4x4 benzina 150 2.0 5 € 25.990

LISTINO

1.6i BI-Fuel Style 4x4 GPL 114 1.6 5 € 26.090

LISTINO

1.6i-S Lineartronic Adventure 4x4 benzina 114 1.6 5 € 26.990

LISTINO

2.0D-S Style 4x4 diesel 147 2.0 5 € 27.990

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top