dalla Home

Curiosità

pubblicato il 21 luglio 2006

Una Panda... sul Canale della Manica!

Una Panda... sul Canale della Manica!
Galleria fotografica - Fiat Panda Terramare 4Galleria fotografica - Fiat Panda Terramare 4
  • Fiat Panda Terramare 4 - anteprima 1
  • Fiat Panda Terramare 4	   - anteprima 2
  • Fiat Panda Terramare 4	   - anteprima 3
  • Fiat Panda Terramare 4	   - anteprima 4
  • Fiat Panda Terramare 4 - anteprima 5
  • Fiat Panda Terramare 4 - anteprima 6

Questa mattina alle 8:30, tempo permettendo, una Fiat Panda in versione anfibia salperà da Folkestone con un'intenzione a dir poco curiosa: attraversare (sull'acqua) il Canale della Manica per raggiungere la costa francese. E non solo. Un volta arrivata sulla terra ferma, la Panda sarà guidata su strada fino in Italia... La bizzarra iniziativa porta la firma del milanese Maurizio Zanisi, che è l'inventore della protagonista, la Panda "Terramare 4", mezzo di cui si è parlato molto l'anno scorso in seguito alle sue "navigazioni" in Sardegna, a Capri sulle acque del Po' e del lago Maggiore. La "Terramare" sfrutta il telaio della Panda 4x4 stradale ripulito di tutto quello che non serve in mare. Quindi la vettura è stata resa stagna, rivestendo di vetroresina il sottoscocca, applicando soffietti di tenuta ai semiassi e al tiranti dello sterzo, nonché sigillando le portiere e i finestrini posteriori. Per questo si accede dal retro della vettura, il che spiega altresì perché il tetto è stato rimosso. Il motore acquatico è un idrogetto ad assetto variabile collegato all'auto tramite un sistema a pantografo, dove la presa di forza è il giunto viscoso centrale.

La "Terramare" può avanzare normalmente, con una linea di galleggiamento posta più o meno a metà delle ruote, oppure disporre della funzione "hovering": in questa configurazione, l'anfibio viaggia su un cuscino d'aria a pelo d'acqua. I grandi galleggianti che circondano la vettura hanno dunque una doppia funzione: quando la "Panda" avanza come natante, servono a mantenere l'equilibrio e il galleggiamento; quando imita gli hovercraft, i gommoni (che si gonfiano tramite tre compressori) trattengono l'aria nel sottoscocca per creare il cuscino aereo. Le prestazioni sono diverse a seconda dell'assetto: in versione anfibia "classica", la "Terramare" naviga a circa 10 km/h, mentre in hovering supera senza i 50 km/h. E cambia di conseguenza il metodo di guida: in versione natante "normale", la direzionalità è data dal volante collegato alle ruote anteriori, mentre in hovering la "barca" si guida tramite i flap posti ai due lati dell'idrogetto.

Al Sig. Zanisi non possiamo che fare il nostro bocca al lupo!

Autore: Filippo Salza

Tag: Curiosità , Fiat


Top