dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 12 dicembre 2011

A che chilometro mi trovo?

Conoscere la propria posizione è importante. Soprattutto nel periodo invernale

A che chilometro mi trovo?
Galleria fotografica - Il chilometro progressivoGalleria fotografica - Il chilometro progressivo
  • Il chilometro progressivo - anteprima 1
  • Il chilometro progressivo - anteprima 2
  • Il chilometro progressivo - anteprima 3

Specialmente in queste settimane natalizie, in cui il maltempo è in agguato, le ordinanze sulle gomme da neve in vigore, il traffico si intensifica e l'esodo natalizio è imminente, quando si è in viaggio è buona abitudine prestare attenzione ai notiziari di viabilità trasmessi via radio e alle informazioni riportate sui pannelli a messaggio variabile. Che spesso indicano un pericolo, una deviazione, un ingorgo ad un chilometro ben preciso. Quanti sono in grado però di stabilire al volo se si è o meno vicini al problema segnalato?

IL CHILOMETRO PROGRESSIVO
Conoscere la propria posizione è invece di fondamentale importanza, soprattutto in caso sia necessario richiedere soccorso od inviare una segnalazione alle forze di Polizia o Vigili del Fuoco, ai quali per velocizzare l'intervento va specificato chilometro e direzione di viaggio. Per determinare dove ci si trova bisogna fare attenzione al chilometro progressivo, cioè quel numero nero su sfondo bianco riportato ogni 1.000 metri sul cartello alla sinistra dell'autostrada che indica una località e quanti chilometri mancano per raggiungere la relativa uscita. I cartelli riportano i km in ordine progressivo (es. 490,491,492...), mentre se si procede in direzione opposta i km sono riportati in ordine inverso (490, 489, 488...).

PIU' PRECISI
Per avere una informazione di maggior dettaglio, si possono leggere i piccoli cartelli bianchi posizionati ogni 100 metri in basso, sempre sulla sinistra dell'autostrada: indicano il chilometro e con un numero romano sovrastante le centinaia di metri. In prossimità dei cavalcavia, inoltre vi sono dei cartelli quadrati con fondo marrone, su cui sono riportati la sigla dell'autostrada o della statale che si sta percorrendo (es. A11 o SS228) e un numero in bianco che identifica il cavalcavia sotto cui si sta per passare. Anche questa informazione può essere utile in caso di emergenza e per denunciare atti vandalici, come il lancio di sassi, che vanno segnalati al numero verde 800.061.061 comunicando la sigla della strada e il numero del cavalcavia.

Autore:

Tag: Attualità , viaggiare , sicurezza stradale , infrastrutture , autostrade


Top