dalla Home

Live

pubblicato il 6 dicembre 2011

Il Programma Fiat Autonomy è al Motor Show

Proposte la nuova Panda, la nuova Lancia Ypsilon ed il Fiat Doblò

Il Programma Fiat Autonomy è al Motor Show
Galleria fotografica - Il Programma Fiat Autonomy al Motor Show di Bologna 2011Galleria fotografica - Il Programma Fiat Autonomy al Motor Show di Bologna 2011
  • Il Programma Fiat Autonomy al Motor Show di Bologna 2011 - anteprima 1
  • Il Programma Fiat Autonomy al Motor Show di Bologna 2011 - anteprima 2
  • Il Programma Fiat Autonomy al Motor Show di Bologna 2011 - anteprima 3
  • Il Programma Fiat Autonomy al Motor Show di Bologna 2011 - anteprima 4
  • Il Programma Fiat Autonomy al Motor Show di Bologna 2011 - anteprima 5
  • Il Programma Fiat Autonomy al Motor Show di Bologna 2011 - anteprima 6

La libertà di movimento è al centro dello stand Fiat al Motor Show dedicato al Programma Autonomy, l'iniziativa con cui l'azienda opera dal 1995 per realizzare servizi e mezzi di trasporto individuali e collettivi destinati a chi ha ridotte capacità motorie e per favorire l'avvicinamento dei diversamente abili all'automobile. Per terra c'è una strada disegnata con una biro a rappresentare che le strade percorribili sono tante e sempre nuove. Sul desk dell'accoglienza c'è scritto "Life is motion" e alcuni cartelli stradali con le indicazioni dei punti cardinali ribadiscono questa idea di movimento. Le vetture esposte sono tre: una nuova Fiat Panda, una nuova Lancia Ypsilon ed un Fiat Doblò che, per la prima volta, propone un ribassamento di pianale. Su tutti e tre sono stati montati alcuni dispositivi speciali grazie all'intervento di quattro allestitori (Kivi, Handytech, Focaccia e Guidosimplex) che collaborano con Fiat Group Automobiles nel settore delle attrezzature speciali per la mobilità assistita.

Sulla nuova Fiat Panda, per esempio, l'acceleratore elettronico è a cerchiello (come sulla nuova Lancia Ypsilon) ed è stato posto sotto il volante, mentre la leva-freno a lungo braccio verticale completa di blocco freno e clacson. La porta è roto-traslante elettrica e rende la porta posteriore sinistra scorrevole agevolando così il carico a bordo della carrozzina per mezzo di un robot automatico (portata 30 kg) che consente di sollevarla e inserirla, ripiegata su se stessa, all'interno del mezzo. Il Fiat Doblò WAV è stato invece dotato del nuovo acceleratore Ghost della Guidosimplex, un innovativo sistema di accelerazione applicato direttamente nella parte posteriore del volante. Inoltre per richiamare l'attenzione del pubblico su questo tema sono state esposte la carrozzina "B-Free Multifunction" e la stampella TOMPOMA, realizzata in titanio e leghe di alluminio con una forma particolare.

Autore:

Tag: Live , motor show , auto italiane


Top