dalla Home

Home » Argomenti » Bollo e Tasse

pubblicato il 2 dicembre 2011

Federauto al Governo Monti: "Fate presto"

Al Motor Show i concessionari chiedono un intervento

Federauto al Governo Monti: "Fate presto"

1.200 concessionari, il 30% dei 3.600 dealer italiani, ha chiuso il 2010 con un bilancio in rosso e il 60% è a redditività prossima allo zero. E' questa la fotografia impietosa della rete distributiva dell'auto emersa al Motor Show di Bologna nel corso dell'assise di Federauto. Un sistema distributivo quello italiano che, con 1.200.000 occupati (tra indotto e diretti) e il 16,6% delle imposte complessive incamerate dallo Stato nel 2010, sta rischiando di implodere secondo l'associazione.

I concessionari chiedono alle Case costruttrici un pacchetto che preveda dilazioni gratuite di pagamento, una riduzione degli stock e la rivisitazione integrale delle regole del mandato. Regole, queste, concepite per altri momenti storici, per altri volumi e per mercati europei disomogenei. Ma soprattutto un intervento del Governo italiano. "Il mercato italiano - ha detto il presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi - necessita di nuove regole in grado di sburocratizzare il settore per ridurne i costi di distribuzione e di dare certezza al business. Chiediamo al Governo Monti un piano pluriennale volto al rinnovo del parco circolante italiano, tra i più vecchi d'Europa, e alla deducibilità totale degli interessi passivi fino ad una minore pressione fiscale per le aziende concessionarie, PMI, distribuite su tutto il territorio nazionale".

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni , motor show , tasse


Top