dalla Home

Attualità

pubblicato il 2 dicembre 2011

La Fiat non vuole lasciare l’Italia

Marchionne: “Siamo una multinazionale... chi pensa di condizionarci si sbaglia”

La Fiat non vuole lasciare l’Italia

Appena ieri alcune agenzie di stampa avevano riportato dichiarazioni di Sergio Marchionne in cui l'ad del Gruppo Fiat parlava di "lasciare l'Italia". Immediata è stata la smentita del gruppo italo-americano, che attraverso un comunicato ufficiale parla di frasi riportate "in modo parziale e arbitrario". Secondo Fiat il corrispondente di Radio 24, presente come altri colleghi a Washington, avrebbe quindi frainteso le parole di Marchionne, che non ha mai parlato dell'intenzione di Fiat di lasciare il nostro paese.

Rispondendo alla domanda del giornalista l'ad Fiat ha infatti detto: "La Fiat è una multinazionale. Gestiamo attività in tutte le parti del mondo. Abbiamo attività economiche e industriali al di fuori dell'Italia. Vendiamo macchine in Brasile, in Cina, in America, in Messico. La cosa importante è la sopravvivenza della Fiat che non può essere messa in discussione. Ci abbiamo messo otto anni per rimetterla in piedi. Abbiamo creato un'alternativa con Chrysler e non possiamo metterla in dubbio. Chiunque pensa di condizionare la Fiat si sbaglia". Tutto prosegue lungo la strada indicata nel progetto Fabbrica Italia, rilanciato poco più di un mese fa dallo stesso manager italo-canadese che aveva assicurato: "Nei limiti del possibile, intendiamo mantenere i posti di lavoro che abbiamo in Italia".

Autore:

Tag: Attualità , Fiat , auto americane , VIP , auto italiane , produzione , torino


Top