dalla Home

Mercato

pubblicato il 1 dicembre 2011

Mercato auto: novembre conferma la crisi

Le immatricolazioni scendono del 9,25%, ferme ai livelli di 15 anni fa

Mercato auto: novembre conferma la crisi

Nel mese di novembre 2011 le autovetture nuove immatricolate in Italia sono state 132.579, vale a dire il 9,25% in meno rispetto allo stesso mese del 2010. Una contrazione di poco inferiore la fa segnare anche il mercato dell'usato, sceso del 6,56% con 390.822 trasferimenti di proprietà. Il mercato del nuovo si conferma quindi ai livelli di 15 anni fa, con novembre che ribadisce il -10,6% dei primi undici mesi dell'anno. Altrettanto preoccupante è l'andamento della raccolta ordini, che secondo UNRAE e ANFIA è al -20% (130.00 contratti). Sempre secondo l'Associazione delle Case automobilistiche estere presenti in Italia le previsioni per il 2011 indicano un totale annuo di 1.750.000 vetture vendute, pari al -11%.

MAI COSI' POCHI PRIVATI
Altro elemento che non infonde fiducia negli operatori del settore è la contrazione degli acquisti da parte dei privati, scesi del 13,1% rispetto a novembre 2010. Questo significa che solo il 66,6% delle auto vendute in Italia finisce alle famiglie, la quota di mercato più bassa mai registrata (66,2% negli 11 mesi). Il resto delle immatricolazioni è divisa fra società (18,5%) e noleggi (14,9%), gli unici ad accrescere la propria fetta di mercato. Nel mese di novembre 2011 le motorizzazioni Diesel hanno guadagnato posizioni raggiungendo il 56,3% dell'intero venduto.

FARE QUALCOSA E PRESTO
Gianni Filipponi, Direttore Generale dell'UNRAE, sottolinea come il risultato di novembre confermi le gravi difficoltà di un mercato (-30% rispetto al 2007) che "Riflette la situazione economica generale". L'intento dell'Associazione, aggiunge Filipponi, è quello di lavorare insieme a governo, parlamento ed enti locali, favorendo la ripresa e la crescita con "auto a basso impatto ambientale la cui diffusione deve essere favorita da infrastrutture adeguate". Altrettanto allarmato è il commento di Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, che in rappresentanza dei concessionari dice: "Al peggio non c'è mai fine. Ora più che mai l'imperativo è fare presto. E la cosa più urgente è cambiare le regole della distribuzione di autoveicoli".

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Top